Messico e Alieni. Un documentario per sapere la verità

Messico e Alieni. Un’accoppiata che  archeologi e ricercatori alternativi hanno già dato per assodata. Una serie di indizi, interpretabili in chiave extraterrestre, da decenni riempiono alcuni dei libri più venduti al mondo: argomenti affrontati, tra gli altri, da Peter Kolosimo, Erich Von Daeniken, Zecharia Sitchin.

Uno dei siti archeologici messicani

Molti gli elementi “anomali”  che hanno fatto ipotizzare un intervento esterno, un “aiutino” arrivato da altri mondi: come spiegare, altrimenti, la straordinaria conoscenza astronomica dei Maya tradotta nei precisissimi calendari  o  la loro capacità di erigere superbi monumenti formati da monoblocchi di pietre pesanti svariate tonnellate o ancora  la raffigurazione in sculture o bassorilievi di strumenti  che sembrano prodotti da una tecnologia superiore?  Troppo, anche per la raffinata civiltà mesoamericana sbocciata  nel  2000 a.C. e tramontata drammaticamente con la Conquista spagnola nel  XVI secolo dell’era cristiana. Ma- va detto- nessuno ha mai saputo portare, finora,  prove inoppugnabili che dimostrino il reale contatto con una cultura extraterrestre che possa aver  determinato o influenzato l’eccezionale sviluppo artistico e scientifico dei Maya.

E’ quanto però promette di fare un documentario messicano, diretto dal vincitore del “Sundance Film Festival” Juan Carlos Rulfo. La pellicola -”Rivelazioni sui Maya, 2012 e oltre”- verrà presentata il prossimo anno, in coincidenza proprio con la data  indicata dal calendario Maya – 21 dicembre 2012, appunto. Una data nella quale, secondo il “lungo computo”,   si concluderà   “l’epoca del quinto sole” e che alcuni studiosi  leggono in chiave apocalittica.

 Il produttore del documentario, Raul Julia-Levy, ha affermato che il Governo Messicano, su ordine dello stesso Presidente Alvaro Colom Caballeros, sta attivamente collaborando con gli autori “per il bene dell’umanità”. Il Messico avrebbe infatti  aperto i propri archivi più segreti per mettere a  disposizione testi, oggetti e altre prove archeologiche che senza ombra di dubbio  dimostreranno la presenza, in Centro America, molti secoli fa, di un popolo giunto da un altro pianeta.

Il ministro del Turismo locale Luis Augusto Garcia Rosado ha espressamente parlato di  ”contatti tra i Maya e un popolo alieno, supportati dalle traduzioni di  alcuni codici che il Governo ha mantenuto al sicuro in caveau sotterranei” . Ed ha anche indicato un presunto luogo dell’atterraggio, avvenuto 3mila anni fa.

Probabilmente, il documentario sarà incentrato sulle ultime scoperte compiute nel sito archeologico in parte ancora inesplorato di Calakmul, in Messico, ma anche su altre misteriose località del Guatemala. Non è escluso, che si tratti dell’antica città maya di El Mirador, trovata nel 2009 sotto l’intricata giungla dello Yucatan: un complesso che si estende- si dice- su un’area pari a quella dell’odierna Los Angeles e formato da centinaia  di piramidi, tra le quali una che reca iscrizioni mai rese pubbliche. Iscrizioni che parrebbero raccontare la discesa sulla Terra di un gruppo di Alieni in soccorso dell’umanità.

Sarà vero? Una conferma, in questo senso, sembra arrivare dalla dichiarazione rilasciata tramite comunicato stampa dal ministro del Turismo guatemalteco Guillermo Novielli Quezada: “Il Guatemala, come il Messico, è stato la culla dell’avanzatissima civiltà Maya e finora ha mantenuto segrete alcune scoperte archeologiche sconcertanti. Riteniamo che sia venuto il momento di renderle note con questo nuovo documentario”.

Il famoso "Uomo di Palenque": per alcuni ricercatori, è un viaggiatore dello spazio nella sua astronave

Non ci resta che aspettare, per capire quali siano le clamorose rivelazioni contenute nel film, che -come dicevamo- sarà pronto per l’anno prossimo. E ormai mancano pochi mesi al fatidico 2012. Ma nessuna paura: gli stessi autori del documentario- che, a questo punto, immaginiamo ben informati sull’argomento…- hanno affermato che i Maya non hanno previsto alcun cataclisma mondiale. Semplicemente, hanno voluto indicare il momento esatto dell’inizio di un nuovo ciclo della Terra. Se hanno ragione, dovremmo stare tranquilli per i prossimi 5125 anni…

Condividi su:
Facebook Twitter Email

Una risposta a Messico e Alieni. Un documentario per sapere la verità

  1. fabio scrive:

    …bella ed interessante notizia…una conferma del continuo ed inarrestabile “allineamento” (sudditanza psicologica-politica?non credo!..forse qualcuno sta spingendo…) degli stati in apparenza politicamente e/o economicamente non allineati ai trainers mondiali…sempre più vicini?…

    …si parla spesso (giornali, tv, libri, documentari in dvd ecc.) di Maya…molto poco di altre civiltà d’oltremanica dette “precolombiane”…sono tante e antecedenti di molti secoli rispetto alla cultura Maya…oltre agli Atzechi e agli Incas, tra i più conosciuti, ci sono culture, dal nord al sud delle americhe, come quelle dei Mixtechi, Toltechi, Zapotechi, Olmechi, Huastechi, Totonachi, Quincè ed altre “minori” che restano misconosciute ai più ma che rappresentano l’inizio della civiltà e la base delle culture arrivate a noi…per non parlare poi dei fondatori di città-stato come Teotihuacan o Tiahuanaco (due culture lontane e diverse ma con “aspetti” importanti comuni) di cui ufficialmente sappiamo ancora poco o niente…prossimamente vorrei raccontare alcuni particolari che ho “scoperto” anni fa, e che non sono stati pubblicati, proprio a riguardo di una di queste civiltà, una delle più affascinanti, progredite, antiche, scomparse dall’oggi al domani e… “dimenticate” culture pre-incas…quella dei Chimu…

    un saluto e a presto

Rispondi a fabio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *