Robert Bauval: “Dall’Antico Egitto alla Massoneria, vi spiego il potere dei talismani”

L’esoterismo– passando dal corpus ermetico agli alchimisti fino alla Massoneria-  in forme più o meno palesi si richiama all’antica cultura egizia. I simboli spesso si ripetono: il prisma piramidale, l’occhio onniveggente, la chiave della vita, il serpente… Ma  fino a che punto sono solo esteriorità evocative atte a suggestionare l’adepto e quanto, invece,  reali eredità di un misterioso sapere occulto andato perduto?

IL SIMBOLO MASSONE SULLE BANCONOTE STATUNITENSI

L’ho chiesto a Robert Bauval, nel corso della lunga intervista che mi ha concesso durante la sua ultima visita in Italia, ospite di un convegno a Pescara.  Lo scrittore belga- che ha vissuto molti anni in Egitto e ha studiato a lungo gli aspetti più enigmatici della sua storia millenaria- ha già affrontato questo tema in un libro scritto a quattro mani con il collega britannico Graham Hancock con il quale ha appena finito una nuova avventura letteraria.

<Abbiamo sempre sospettato che ci fosse una continuità. E’ quella che io chiamo “la scienza talismanica”. È un’ abilità,  un  processo di comprensione basato sul potere della mente, sul potere del linguaggio, sul potere dei simboli… Credo che  sia qualcosa che i Massoni hanno imparato, attraverso una tradizione antica. Quello che è terrorizzante è che si tratta di una conoscenza davvero forte, se si sa come utilizzarla…Ti farò un esempio che è calzante e semplifica molto la cosa. Negli anni  ’80 lavoravo nell’Arabia Saudita.  Un giorno, il re che governava all’epoca stava per imbarcarsi su un volo, quando  il mullah  gli ordinò di non salire sull’ aereo perché  compariva il simbolo cristiano. Nella scritta in caratteri occidentali della parola “Saudi”, tra la S e la A si creava infatti uno spazio che sembrava una croce. Non appena il mullah la vide, la videro tutti. Si accorsero così  che l’intero paese era “inondato” di croci: sulle insegne, sui biglietti, sui negozi, ovunque. E il simbolismo cristiano in Arabia Saudita è assolutamente vietato. Allora il Re cambiò tutte le scritte nelle quali compariva la croce. C’erano sempre state, ma divennero reali solo quando il capo religioso le vide: il mullah aveva compreso il potere del talismano, un concetto che opera sulla mente dell’uomo. Sapeva che tutti, ogni volta che avessero visto quelle scritte, avrebbero detto:”Ah… Una croce!” E sarebbe stato come un virus intellettuale  che avrebbe infettato l’intera Nazione. Ecco come funziona la “scienza talismanica”:  se la comprendi, puoi usarla con effetti straordinari. Sappiamo che l’effetto negativo di questa scienza è la propaganda– specie per scopi militari. Invece gli Antichi Egizi la usavano in chiave positiva, sapevano come farla funzionare. E la piramide ne è un esempio perfetto. Vedi, molte persone non capiscono perché l’hanno costruita così grande: poteva andare bene anche se fosse stata più piccola. E invece no: la scala delle dimensioni è fondamentale, ogni architetto lo sa, la scala è ciò che impressiona in una costruzione. Costringe la mente a pensare. Come ti ho detto, è l’elemento che ti colpisce, che ti provoca. Che ti induce a riflettere in un determinato modo. Ecco  cosa fa il talismano: è un oggetto “magico” che condiziona la mente.>

Ma esistono, al giorno d’oggi, lobbies di potere o società occulte- concetti che spesso si sovrappongono…- che di quel sapere talismanico antico abbiano scoperto la vera natura e la perpetuano, nei loro riti segreti, da secoli – se non da millenni?

<Io penso che quello che è sopravvissuto è solo una forma di questa scienza,  non quella originaria. Sappiamo che nel corso dei secoli è stata riscoperta- ad esempio in Italia, durante il Rinascimento, grazie ai  testi ermetici c’era stato un revival di questa scienza. Sappiamo che molte persone hanno frugato in questa forma di magia. Avevano capito che avrebbero potuto ottenere effetti molto forti… Anche la Chiesa cattolica l’ha usata, i  Gesuiti erano molto bravi in questo. Penso che questo sia ciò che è sopravvissuto: echi deboli di un segreto sepolto nel tempo. È una realtà difficile da spiegare, sai… È un  qualcosa che ha creato una sorta mito quasi universale, di cui gli Egizi sono il fulcro.  Una forma di magia, dei riti, una sacralità che loro basavano su un oggetto per noi misterioso che chiamavano “la pietra Benben”. Non sappiamo cosa fosse, ma era all’origine di tutto il loro sistema di credenze. Forse era soltanto un meteorite. Ma poteva essere anche altro, non lo capiremo mai.  Di certo il Benben scatenò in loro questa profonda fede nella divinità e nella vita dopo la morte. Viene menzionato di continuo nel corso della civiltà egizia: aveva una forma conica e fu per loro quello che per gli Ebrei fu l’Arca dell’Alleanza. Ovvero  uno strumento che li metteva in relazione con il divino. E le società segrete dicono di mantenere la memoria di questi oggetti sacri, alcune sostengono di esserne depositarie o di sapere dove sono nascosti. Se sia vero o no, però, è un’altra questione. >

Sul mercato anglosassone, è già uscito l’ultimo lavoro di Bauval ed Hancock: “Master game”. Una sorta di ideale continuazione del libro “Talismani” e di cui l’autore belga ci spiega, in anteprima, i contenuti:

LO SCRITTORE ROBERT BAUVAL

<Anni fa, io e Graham Hankock abbiamo scritto il libro “Talismani”, nel quale abbiamo cercato di spiegare l’origine delle strane piante di alcune capitali come Parigi, Londra, Washington  e Roma. Per farlo, siamo tornati indietro, all’antico Egitto, perché sapevamo che c’erano due tradizioni che arrivavano da lì, quella ermetica e quella gnostica, che ad un certo punto si erano incrociate attraverso le società segrete e i Massoni.  Molto di quel simbolismo che si vede nella disposizione urbanistica di quelle città  esprime questa ideologia. Quindi questo è quello che abbiamo fatto. Ma mentre scrivevamo quel libro, ci siamo resi conto che  le radici della nostra ricerca risalivano  all’epoca dei Templari, ci siamo dovuti passare attraverso. Abbiamo dovuto analizzare le Crociate e tutti gli eventi ad esse collegati…

UN SIGILLO TEMPLARE

Questi argomenti sono diventati  oggetto  del nostro libro e sono tornati alla ribalta alcuni anni dopo, quando abbiamo iniziato a capire che esisteva  una gran confusione nel mondo di oggi, a partire da questo conflitto tra Est e Ovest. Non si comprende  perché questo fondamentalismo esista, perché si verificano questi terribili attacchi terroristici… Abbiamo percepito che l’origine di tutto era la reciproca incomprensione. Alqaeda,  le organizzazioni integraliste, percepiscono l’Occidente e in particolare l’America  come una sorta di eredi dei soldati crociati. È questa la cosa interessante: nella loro mente c’è una crociata continua. Ne abbiamo avuto un esempio con quello che è successo a Oslo, quando quel folle ha compiuto una strage  identificandosi in una sorta di templare… Lui è un singolo, ma sull’altro lato c’è più di un individuo, c’è un’intera organizzazione. C’è una guerra perenne  e la domanda è: cosa riguarda? Cosa riguarda davvero?  Devi entrare proprio nel cuore della questione. Che  riguarda un oggetto: la rocca di  Gerusalemme. Noi ci abbiamo rinunciato: il mondo cristiano ha perso la  guerra, i crociati hanno fallito, è finita,  non siamo più interessati a Gerusalemme- anche se abbiamo esportato il modello di quella città altrove. Ma ebrei ed islamici no, sono ancora lì e se la contendono. È un problema molto serio, ma noi lo definiamo, nel libro, un “master game”, perché è un gioco, anche se giocato dai Potenti del mondo. Una volta erano i Templari, poi in un certo momento i Massoni- con il loro rituale basato sul tempio di Salomone. Adesso, ci sono i politici che si sono imbevuti di questa confusa ideologia, in particolare gli Americani che dopo la Seconda Guerra Mondiale hanno sostenuto la nascita dello Stato di Israele: una cosa molto strana. Specie se consideriamo che i promotori della creazione di Israele erano tutti massoni. È un elemento molto rilevante, per capire quali furono i motivi che li spinsero, motivi apparentemente legati alla Bibbia. Così abbiamo deciso di riconfezionare il libro chiamandolo “Master Game”, con capitoli contenenti storie molto affascinanti, specie nella parte finale. Perché all’improvviso il quadro è diventato più chiaro. È apparso evidente  che il problema non iniziava con Alqaeda nel 2001, ma risaliva molto più indietro nel tempo. La storia prende il via nel VII secolo: all’epoca emerse un problema al quale non venne data risposta. E adesso  è necessario che sia risolto!

L'ULTIMO LIBRO DI HANCOCK E BAUVA

“Master Game” è uno di quei libri che cerca di far dissolvere la nebbia in modo da far vedere  l’assurdità del gioco, un gioco terribile, che può provocare conseguenze estremamente pericolose oggi giorno. Adesso da un lato gli Egiziani post-Mubarak stanno provocando Israele, dall’altro ci sono gli Iraniani ormai prossimi alla bomba nucleare. Una situazione drammatica, perché c’è chi vuole  questo tipo di mondo, questo conflitto perenne. E invece deve essere risolto, in un modo o nell’altro. Perché una volta c’erano i Templari che combattevano con le spade e con le frecce. Adesso il gioco sta iniziando a diventare un gioco molto pericoloso.>

Sabrina Pieragostini

FINE QUARTA PARTE

Condividi su:
Facebook Twitter Email

2 risposte a Robert Bauval: “Dall’Antico Egitto alla Massoneria, vi spiego il potere dei talismani”

  1. manuel scrive:

    Gioco molto pericoloso…e che fa tornare in mente Nostradamus e l’apocallisse.

  2. fabio scrive:

    …ho tralasciato il “commento” di questo interessante articolo poichè volevo prima aggiungere varie note, anche in articoli pregressi, l’ho fatto nei giorni scorsi…ne aggiungerò altri prossimamente ma nel frattempo…
    Se nella “ricerca del vero” (nell’ “apocalypsi”…RIVELAZIONE, RINNOVAMENTO, RISCOPERTA… del VERO, dei RELIGI…SVELARE…) si seguono dei “fili conduttori”, e questo Sabrina l’ha “intuito” da molto tempo, non si può saltare di “palo in frasca” nella proposizione “temporale” delle proprie idee…il costrutto deve essere “temporalmente” organico e non “solo” nel senso meramente “filo-tempore” ma anche nell’organicità “strutturale” del “discorso” dell’idea-imago da trasmettere all’interlocutore…non si tratta solo di “indicare” un’idea-simbolo, un’ “imago-signum”, o di darne “UNA” od un’altra interpretazione “giusta” (vera più o meno) a seconda dei casi ma di…
    “TRASMETTERE” (“consegnare” a…) una “strada”, una “direzione”, spesso un “cammino da percorrere”, con l’intento di far giungere il soggetto non tanto alla UNICA E VERA interpretazione dell’oggetto (svelare il mistero, trovare la verità, capire il simbolo…) in questione ma ad un “AMPIO CONCETTO”, un “ENSAMBLE D’IDEES”, una “SUMMA VERITAS” che -E’- esso stesso “IL” re-ligi CERCATO (immagine-simbolo-significato) e che permetta, nel “giusto tempo”, nel momento “adatto”, per ognuno di noi differente, all’interlocutore (adepto o no, “eletto” o meno,
    “predisposto e preparato” sicuramente e…”talismaticamente” NON INDOTTRINATO!..) di percepire con CONSAPEVOLEZZA, oltre che con la “ragione” anche con il “sentire” dell’animo (mens, audi anima), nello stesso tempo “l’essenza e l’insieme” di “TUTTE LE COSE” nell’unione…di afferrare, “stringere in mano”, quel “graal” (inteso come coppa-contenitore) della Verità (dei re-ligi)…

    La “strada” indicata da Robert passa INEVITABILMENTE attraverso lo “gnosticismo”, il “cristianesimo primitivo”,
    “Qumran” e gli “Esseni” (tutti “appesi” alla CULTURA greca e alla RELIGIONE ebraica)…un “ensemble” -CROCE-VIA B.C.- (alla nascita del “pisces tempore”) che riconduce INESORABILMENTE attraverso semplici ed articolate vie (nello studio percorribili) al THOT egizio, alle “VIE” dei VEDA e alle “discipline” orientali tutte…
    …ci ritornerò…prima o poi…

    un cordiale saluto

Rispondi a manuel Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *