“Milioni di pianeti vagabondi nello spazio”. Tra loro c’è anche Nibiru?

Vagabondi per lo spazio infinito. Nomadi per l’eternità. Sarebbe questo il destino di milioni e milioni di pianeti che a differenza del nostro non sono nati attorno ad una stella e si muovono liberamente nell’Universo. La scoperta potrebbe risolvere uno degli interrogativi che riguardano anche il nostro sistema solare, come la possibile presenza di pianeti “vaganti” oltre Plutone.

I PIANETI FLUTTUANTI POTREBBERO ESSERE INCREDIBILMENTE COMUNI NELLO SPAZIO

Si è sempre sostenuto che i corpi planetari si formano a partire da un disco di gas e polvere cosmica orbitante attorno ad un astro: quindi, in teoria, non potrebbero esisterne oltre il bordo di questo disco. Invece, negli ultimi anni, gli astronomi hanno scoperto pianeti giganti che distano dalla loro stella 100 volte la distanza che intercorre tra il Sole e la Terra- ancora di più di Plutone, che si trova in un’orbita “solo” 39,5 volte più ampia della nostra.

LE ORBITE DEI PIANETI DEL SISTEMA SOLARE

Ora i ricercatori Hagai Perets, del centro Harvard-Smithsonian per l’Astrofisica del Massachusetts, e Thijs Kouwenhoven, dell’Istituto Kavli per l’Astronomia e l’Astrofisica presso l’Università di Pechino, sostengono che i pianeti così lontani dalle loro stelle una volta fluttuavano liberi per il cosmo, fino a quando non sono stati “presi al laccio”, attratti dalla forza di gravità. Le loro osservazioni li portano persino a pensare che questi mondi nomadi siano numerosi quanto le stelle.

AMMASSI STELLARI E SIMULAZIONI AL COMPUTER

Perets e Kouwenhoven hanno fatto alcune simulazioni al computer per capire cosa succede quando un ammasso stellare contiene pianeti vaganti. Come scrivono nel loro studio pubblicato sul Giornale di Astrofisica, calcolando che  il numero dei corpi planetari fluttuanti sia più o meno equivalente a quello delle stelle, allora circa il 3-6 per cento degli astri riesce a catturare almeno un pianeta, il quale viene agganciato in un’orbita eccezionalmente ampia– da centinaia a migliaia di volte la nostra.

UNA MAPPA STELLARE: QUANTI MILIONI DI PIANETI VAGANTI POTREBBE CONTENERE?

Non solo: la maggior parte di questi pianeti mostra un’orbita inclinata rispetto ai “cugini” che si sono formati attorno al loro sole- come è successo per la Terra. Di più: la metà di essi ruota al contrario rispetto a noi. Insomma, si muovono in senso orario

“È un elemento molto intrigante di cui tener conto per risolvere un mistero ancora irrisolto“, sostiene Ray  Jayawardhana, astronomo dell’Università di Toronto, in  Canada. Anche se finora si parla solo di modelli matematici: sono pochi i reali pianeti vagabondi rintracciati ed individuati. La teoria si dimostrerà corretta solo se davvero- ed è ancora da dimostrare- il loro numero risulterà  così vertiginosamente grande come previsto dalla simulazione.

ANCHE UN "BLACK HOLE" POTREBBE ATTRARRE I PIANETI?

D’altra parte, maggiore è la massa di una stella, più forte è l’attrazione che essa esercita e più alta è la probabilità che catturi un pianeta di passaggio. “I buchi neri potrebbero ospitare pianeti“, ipotizza Perets. Un buco nero si forma quando una stella esplode e collassa: l’improvvisa perdita di massa dovrebbe liberare qualunque pianeta che gli orbiti intorno, ma- spiega l’astronomo- “un  buco nero è così potente da poter attrarre tutto, pianeti inclusi.”

Il nostro sole ha una massa notevole, molto più di tante altre stelle che brillano nel cielo. Quindi, potenzialmente, potrebbe- o avrebbe già potuto in passato…- catturare dei pianeti di passaggio. “Ma si tratterebbe di un mondo dall’orbita davvero molto allungata, davvero molto al di là di Plutone, così da non perturbare con la sua presenza il percorso degli altri pianeti già noti”, afferma Perets.

IL NOSTRO SOLE, CON LA SUA ENORME MASSA, POTREBBE AVERE ATTRATTO QUALCHE "FLOATING PLANET"...

Conclusioni davvero interessanti. Per la prima volta, un ricercatore ufficiale, sulla base di studi scientifici, ammette la possibilità- remota, ma concreta– che il nostro sistema solare possa essere “allargato” a nostra insaputa da un pianeta lontanissimo eppure legato dalla forza attrattiva del nostro sole.

L'IPOTETICA ORBITA DI PLANET X, IL DECIMO PIANETA TEORIZZATO DA SITCHIN. OGGI, PER LA SCIENZA, UNA POSSIBILITA' TUTT'ALTRO CHE REMOTA

Provate ad immaginare, ad esempio, che la sua orbita eccentrica lo porti a ruotare a qualche miliardo di km da qui e che, magari, ci impieghi a percorrerla qualche migliaio di anni. Fatto? Bene. Allora siete pronti ad affermare che Nibiru– il “Pianeta del passaggio” o Pianeta X che dir si voglia- teorizzato da Zecharia Sitchin probabilmente è molto meno assurdo di quanto gli accademici ci hanno sempre fatto credere.

SABRINA PIERAGOSTINI

Condividi su:
Facebook Twitter Email

5 risposte a “Milioni di pianeti vagabondi nello spazio”. Tra loro c’è anche Nibiru?

  1. Manuel scrive:

    Ciao Sabrina, volevo commentare anche l altra scoperta ma non vedo l’ opzione per farlo.
    Non nascondo il fatto che queste scoperte ed articoli mi entusiasmano…per lavoro e connessione sono assente in questo periodo…ma essendo fermo fino lunedi(Roma)rispondo e commenterei volentieri questi articoli,rimandanto il tutto nella giornata di domani da riposato.
    Chido scusa se ogni volta puntualizzo sulla mia stanchezza derivata da
    lavoro…ma di fatto e cosi…
    Grazie del blog ormai nei preferiti appena una connessione disponibile…per correttezza, subito ansa mondo poi tgcim 24 gazzeta di mantova e ultima ma non per importanza EXTREMAMEN
    TE

    • Manuel scrive:

      Sorry un tributo al forum nibiru 2012 mio pioniere nel 2009 ma ormai un porto di Mare dopo il cambio admin
      Mi farbbe e meriterebbe questo blog visto gli articoli trattati e scritti in modo eccezionale verso le varie utenze…uno commento da parte di utenti che meritano veramente molto…provo spronarli, croft…carlino….xxx… Hall…e molti altri…cheassolutamente perfetti per commentare gli articoli e far compagnia al nostro Fabio.spero leggano essendo piu di un anno che non li sento.

      N.B. Frecciatina….

    • Sabrina Pieragostini scrive:

      Per la fretta di pubblicare non avrò attivato lo slot per i commenti…Qual è l’articolo? questo o anche altri? Scusa…

    • Sabrina Pieragostini scrive:

      Sono onorata! grazie Manuel

  2. fabio scrive:

    …buongiorno bimbi…

    non frequento altri blog poichè non trovo interesse nel chiacchierare “fine a se stesso”…d’altro canto penso che “il buon dio”, come qualcuno ha già detto e che condivido, ci abbia dato l’opportunità di esprimerci lasciandoci la facoltà di “blaterare” (o, se si preferisce, “ipotizzare” ad ogni livello di conoscenza, ognuno nei nostri limiti) quello che le proprie sinapsi riescono, spesso ma non sempre, “malamente” a produrre…ho visitato nel passato alcuni di questi siti-blog (e mai scritto, ma l’ho fatto in due riviste non di settore) “trovando” molti spunti interessanti di ricerca ma…stiamo parlando di ciò che per me (noi gruppo di studio) fu “l’inizio della ricerca” e considerando che il mio accesso diretto giornaliero ad internet è iniziato nel 1994…

    mi piace molto (nel senso VERO di trovare molto utile per TUTTI) invece frequentare il sito-blog di Sabrina perchè è Lei che Scrive e lo fa nel modo migliore (non che può) ma che va fatto (deontologicamente, eticamente e professionalmente) per una CORRETTA e SANA fruizione ad ampio raggio (360° “ed oltre l’infinito…” da “2001 odissea nello spazio”, del 68′ di Kubrik) ed a vari livelli (soggettivi) di conoscenza-consapevolezza…non a caso (ne per il sito, all’epoca non ne ero a conoscenza) HO SCELTO di contattarla (come poi scrivere quì) per le “nostre” (del gruppo) testimonianze vissute nel tempo trovando dall’altra parte, in una persona NORMALE (nel vero senso della parola), una sensibile disponibilità ed intelligenza volta al “positivo” NON comune, e tanto meno in persone che vivono la propria vita “in vista”…d’altro canto sono certo del fatto che “posizioni” di partenza scienteiste o “pseudo-filosofiche” (come la mia) od altre di OGNI genere di TANTI e DIVERSI (oggi MOLTO più di 6 miliardi compresi gli EX-TERRESTRI, gli aliens e gli allogeni) ABITANTI del globo (alcuni frequentatori del blog come noi) non siano un limite ma all’opposto siano di sprono ed incentivazione alla INTERCOMUNICAZIONE e crescita personale e sociale. La diversità, e quì NE SONO CERTO, fa crescere TUTTI ed il dubbio, purchè non sia inutilmente reiterato (poichè diventerebbe un limite), è il “motore di base” dei processi cognitivi di qualunque essere (“essi, Essi, ESSI, loro, Loro e LORO” come per noi umani) a qualsiasi livello-stadio dell’evoluzione bio-tecnologica…

    …in genere “non insisto” a parlare del “NULLA COSMICO” con chi “non lo vede”, non può o rifiuta di vederlo…”ma ci sto provando!..” (“Pulp fiction” di Tarantino) ah!ah! quì scherzo ovviamente!..come ho SEMPRE (tentare) fatto in passato…riterrei la mia vita QUI’ del tutto INUTILE se non provassi a farlo…nessuno attraversa il “fuoco eterno” (consapevolmente) senza “provare” a fare ciò che DEVE per se e/o per gli altri (tutti)…per chiunque “ritorni” in condizione di “cognitio causa” è così…che ci “crediate” o no…

    qui, con voi TUTTI, al di là dei “toni” e “modi” (reali o apparenti) di ognuno, relativi al caso specifico o no, dei test (da una parte o dall’altra) o delle prese di posizione personali, parlo volentieri di tutto…anche se così a taluni può non sembrare…

    l’articolo è giusto e lo “spunto” intuito” di partenza anche…e l’empatia cresce…come il mio mal di testa!..ah!ah!..

    .IMAGO LATET VERITAS.

    buona domenica a tutti

Rispondi a Manuel Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *