Il contatto con gli Alieni: tre possibili scenari

Non sappiamo se ci sono, non sappiamo dove sono. Ma è probabile che un giorno l’Umanità debba confrontarsi con loro: ovvero, con forme di vita aliena, magari presenti nel nostro stesso sistema solare. Un’eventualità che la scienza sta prendendo sempre più seriamente e che apre un interrogativo: quando accadrà, come ci dovremo comportare?

EUROPA, LA LUNA DI GIOVE CANDIDATA AD OSPITARE FORME DI VITA SOTTO I SUOI GHIACCI

La domanda, ovviamente, vale sia nel caso che gli esseri extraterrestri siano molto più avanzati tecnologicamente di noi, sia che- al contrario- siano in uno stadio evolutivo più arretrato. Quest’ultima ipotesi, al momento, è quella più accreditata dagli astrobiologi  convinti di poter trovare organismi elementari  anche a  poca distanza di noi.

La vita, infatti, teoricamente potrebbe esistere in forma batterica e monocellulare su Marte oppure sulla luna di Giove, Europa. Tuttavia non si può neppure escludere forme viventi più evolute, che possano essere in qualche modo senzienti. “La nostra attuale conoscenza del sistema solare ci fa supporre che potrebbero essersi sviluppate creature intelligenti negli oceani profondi di Europa“, sostiene ad esempio Jacob Haqq-Misra, astronomo presso la Pennsylvania State University.

Altra possibilità, remota ma comunque presa in considerazione, è quella della migrazione. “Extraterrestri altamente tecnologici potrebbero aver viaggiato da un distante sistema solare per venire a vivere nel nostro”, continua Haqq-Misra. “Potrebbero abitare in basi sotterranee sulla Luna o su Marte, potrebbero risiedere nella Fascia degli asteroidi. Le opzioni sono moltissime, per quanto improbabili.” Ma se davvero gli Alieni- qualunque sia il loro grado evolutivo- sono nostri vicini di casa, cosa fare quando li incontreremo?

Il primo scenario contemplato dai ricercatori e ritenuto il più probabile è: troviamo una  forma di vita molto primitiva. Questo assunto si basa su un’evidenza: finora i mondi abitabili che abbiamo esplorato non mostrano segni di civiltà avanzate. Ma non solo. Guardando alla Terra, sappiamo che essa è stata abitata per milioni di anni da trilobiti e batteri, mentre l’uomo ha fatto la sua comparsa solo di recente, in termini geologici.

SU MARTE POTREBBERO ESISTERE ORGANISMI PRIMORDIALI

Lo stesso, allora,  dovrebbe accadere anche sugli altri pianeti: ovunque, nell’universo, la vita potrebbe trovarsi allo stadio primordiale. Se E.T. fosse dunque un insetto marziano, il comportamento da seguire assomiglierebbe molto a quello di un naturalista darwiniano: osservazione e catalogazione dell’esemplare da studiare.

Secondo scenario: abbiamo a che fare con esseri intelligenti, meno evoluti di noi, ma dotati di sensazioni  simili alle nostre. In questo caso, bisognerebbe seguire un preciso protocollo tracciato dall’esercito americano addirittura negli anni ’50 del XX secolo. Ne parla in un libro Robert Freitas  che chiama questa procedura “I sette gradi di contatto”.

Inizieremmo così una sorveglianza a distanza, per l’acquisizione di tutti i dati necessari. Poi intraprenderemmo delle visite segrete, sotto copertura, allo scopo di capire quale siano le peculiarità di questa razza aliena, i loro strumenti, le loro potenziali armi. Se giudicassimo la nostra tecnologia superiore alla loro, potremmo tentare un avvicinamento al pianeta per verificare se l’atteggiamento di quel popolo sia ostile o meno.

ECCO COME LA FANTASIA IMMAGINA UN MONDO ALIENO

 Il passo successivo comprenderebbe un rapido atterraggio in zone isolate per raccogliere esemplari di piante, animali e persino delle stesse creature aliene. Insomma, si tratterebbe di vere e proprie “abduction“: solo che, in questo caso, gli Ufo sarebbero le nostre navette spaziali  e i “Grigi” che compiono i rapimenti sarebbero i nostri astronauti…

Infine, qualora avessimo deciso di rendere nota la nostra presenza, mostreremmo le nostre astronavi ed il loro equipaggio in un luogo pubblico, ma sempre e comunque a distanza di sicurezza. L’obiettivo successivo: essere visti dal numero maggiore possibile di testimoni, per dimostrare loro che veniamo in pace. Da ultimo- se ci fosse la ragionevole certezza che un contatto diretto non comporterebbe effetti dannosi per una delle due razze– potremmo atterrare per cercare un colloquio diretto con gli Alieni.

A sessant’anni di distanza, questo protocollo sembra ancora valido. “Se una futura missione su Europa svelasse l’esistenza di esseri intelligenti, il modo più corretto di procedere sarebbe un’esplorazione a distanza“, conferma l’astronomo Haqq-Misra. “Prima di tentare un qualsiasi approccio con quelle ipotetiche creature e prima di atterrare sul satellite, dovremmo inviare delle sonde robotiche per avere la conferma che non ci sono pericoli.”

Resta adesso il terzo scenario: una civiltà molto più avanzata della nostra, tanto evoluta da aver compiuto viaggi interstellari per venire a vivere dalle nostre parti. In questo caso, sarebbe difficile, se non impossibile, prevedere il loro atteggiamento nei nostri confronti, proprio come le formiche- per citare un famoso esempio del fisico Michio Kaku- non possono comprendere il comportamento umano. Finora, a questo proposito, gli scienziati si sono divisi in due scuole di pensiero.

UNA CIVLTA' ALIENA POTREBBE GIUNGERE DA UN LONTANO SISTEMA SOLARE

C’è chi- come Stephen Hawking- ritiene deleterio, se non catastrofico, un contatto dell’umanità con una simile civiltà aliena: ne usciremmo annientati. L’aggressività potrebbe non essere una caratteristica solo terrestre: scatta, infatti, quando un gruppo cerca di impossessarsi di una risorsa vitale a scapito degli altri, con ogni mezzo. E le risorse non sono mai infinite, in qualsiasi parte del cosmo. Dunque, se gli Alieni fossero bellicosi e prepotenti come gli umani, non avremmo chance.

Ma c’è anche chi- seguendo le teorie di Carl Sagan– la pensa diversamente: creature in grado di percorrere le distanze siderali da una galassia all’altra sarebbero ad uno stadio così evoluto da essersi lasciate alle spalle  violenza, brutalità, crudeltà tipiche di esseri ancora un po’ bestiali, come siamo noi. Un’eventuale incontro avverrebbe dunque  in un clima di massimo rispetto.

Jacob Haqq-Misra è su questa stessa linea d’onda e afferma non senza ironia: “Una civiltà capace di viaggi interstellari avrebbe già risolto tutti i problemi di sostentamento e di sviluppo. Non credo che abbiamo bisogno di noi Terrestri come cibo.

SABRINA PIERAGOSTINI

 

Condividi su:
Facebook Twitter Email

2 risposte a Il contatto con gli Alieni: tre possibili scenari

  1. nokkiero scrive:

    Primo scenario: scopriamo forme di vita a livello batterico e monocellulare, scenario probabile.E se queste forme batteriche fossero nocive per noi? Se contenessero virus per noi deleteri e che non conosciamo?
    Secondo scenario:siamo così bravi che arriviamo su un altro pianeta la cui evoluzione è più arretrata rispetto alla nostra attuale. Lo osserviamo, prendiamo campioni, facciamo esperimenti sui loro abitanti.Magari prendiamo contatti segreti con qualcuno di loro.C’è qualcosa nel loro DNA che ci interessa e quindi siamointeressati a scoprirlo perchè serve a noi per non scompaarire.E se fosse l’esatto contrario?Se cioè è proprio quello che sta succedendo a noi?
    Terzo scenario: La fratellanza cosmica (gli alieni buoni) ci monitora ciclicamente perchè siamo così stupidi da poterci distruggere nuovamente. Qualche volta è dovuta intervenire ma, sostanzialmente,non ha interesse a prendere contatti con noi, gli interessiamo ma fino ad un certo punto. Basta che non combiniamo guai un’altra volta. Questo terzo scenario apre le porte ad un quarto , che mi permetto di aggiungeren ed al quale è strettamente collegato.
    Quarto scenario:gli ex-terrestri, si proprio terrestri ex, sono partiti dalla Terra per una molteplice serie di cause che qui sarebbe troppo lungo da raccontare tante sono le ipotesi che si possono fare.Sono partiti da qu, appartegono ormai alla fratellanza cosmica,ed è qui che ritornano ciclicamente ,con contatti frequent,i fino a stabilire delle colonie sulla Terra. Sono qui, sono fra noi, sono i nostri fratelli più evoluti. Perchè non si mostrano a tutti? Perchè comprendono che non siamo ancora prontia ricevere una simile notizia.Loro scopo è anche quello di sventare il piano dei sauridi (gli alieni cattivi) che mirano ad impadronirsi della Terra per ridurre l’umanità al loro servizio.
    Quinto scenario: siamo soli, non esiste alcuna forma di vita al di fuori della Terra, qualcuno ci può e ci vuole ancora credere? Attenzione, ogni giorno è questo il messaggio che passa a tutti ilivelli, anche e soprattutto subliminale.

  2. fabio scrive:

    …allora…

    del “primo”…in qualsiasi pianeta andremo avremo questo e sempre diverso problema…la vita, in special modo la microbica, ha leggi evolutive “rapide” e altamente differenziate dai micro ai macrosistemi…imprevedibile…dello stesso punto “primo” a l’opposto, di una e come di più visite aliene, possiamo dire che il pericolo “d’incontro” come di “frequentazione” è ambivalente e potenzialmente pericoloso o deleterio…sono CERTO che entrambi i casi e le relative “conseguenze” si siano già molte volte verificati…fermate e “ri-partenze”, accelerazioni e rallentamenti “improvvisi”, nell’evoluzione umana (come allogena e aliena) e come, d’altro canto, estinzioni “ingiustificate” e “nascite” di NUOVI ceppi “dal nulla”…

    del “secondo”…siamo STATI così “bravi” a farci AIUTARE da CHI, come noi, era “relegato” su questo pianeta (e sulla Luna) che abbiamo sicuramente “esportato” i nostri batteri e virus là dove, “ufficialmente” e NON, abbiamo messo piede…così come, a l’OPPOSTO, chi per millenni e se non per MILIONI di anni, ha “frequentato” questo BEL pianeta CERCANDO DI EVITARE le stesse e MOLTE altre conseguenze di un QUALSIASI contatto diretto per altro NON evitato da chi, come noi “terrestri”, essendo su un simile SE NON UGUALE gradino della scala evolutiva, HA FATTO gli stessi errori che abbiamo fatto (porcherie di ogni genere) o FAREMMO noi esportando la nostra “attuale” società moderna “occidentale” in una qualsiasi parte di questo od ALTRO MONDO che NON sia “ancora contaminato”…né più e né meno come è stato fatto negli ultimi 7 mila anni di storia conosciuta, questa SI “ufficialmente”…

    del “terzo”…buoni o “cattivi” va a secondo della scala evolutiva che NON è certo dettata dalla tecnologia in uso, che sia di propria creazione, “donata”, “SCAMBIATA” o “USURPATA” a chi e da chi -E’- su un differente gradino di sviluppo tecnologico…VEDI la “attuale” acquisizione e SVILUPPO tecnologico, ma NON equivalente a quello SOCIALE così tanto da essere tra loro fortemente differenziati, di codesta attuale UMANITA’ e PER CIO’ sintomo e PROVA diretta, insieme ad altre prove circostanziali e di fatto, di molteplici e temporalmente ripetitive AZIONI dirette e soprattutto INDIRETTE da parte di “gruppi” allogeni ed alieni, oltre che “umani discendenti” più o meno , COESIVAMENTE interessati dagli STESSI obbiettivi, passati come futuri…questo “scenario”, a mio avviso, rientra negli altri due e fa parte della “storia” non ufficializzata del “NON solo nostro” pianeta…

    del “quarto”…gli EX terrestri, UNA VOLTA QUI’ POI ANDATI E RITORNATI O NO PIU’ O MENO, possono essere STATI: ex-terrestri, ex allogeni, ex alieni, ex “dimensionali” o “ex altro” e quindi associabili per tipologie ad “Essi” (ed “essi”) oltre che a “Loro” (e “loro”), e ciò -E’ ANCORA- ufficialmente INDIMOSTRABILE (se pur BEN conosciuto da i “gruppi” sopra accennati) da noi così COME E’ DIMOSTRATO dalla storia e dalle MITOLOGIE di tutte le culture della Terra, oggi “ufficializzate” e NON, la…loro REALE PRESENZA FISICA nel passato sulla Terra (India, Egitto, Iraq, Grecia, Siria, Sinai, Cina, Giappone, Scandinavia, Italia, Messico, Bolivia, Cile, ecc.) fino al V°/VII° secolo b.C….e ciò corrisponde ad una palese EQUIVALENZA dimostrativa LOGICA…al di là della identificazione specifica dei “soggetti” di cui al momento credo FORTEMENTE, data la nostra posizione “conoscitiva” del tutto pari a 0,00 “non so che” periodico, “nun ce né possa fregà di meno” ah!ah! (non rido di nessuno) dato che penso, con altrettanta “credenza” (non è una madia) suppositiva consequenziale, che “il saperlo DEL TUTTO suppositivamente” ci cambi MOLTO POCO nella nostra DEL TUTTO INCONSAPEVOLE vita attuale…questo, a mio avviso, continua a rientrare nelle prime due “ipotesi”…

    della “quinta”…è un’ipotesi che, se pur ha TENUTO BANCO nel passato, oggi NON E’ più “percorribile” data la quantità di scoperte chimico-fisico-matematiche ed ASTRONOMICHE che si sono affacciate alle nostre porte dal dopoguerra in poi…oltre a quanto SI VEDE “Lapalisse”, oggi con “occhi diversi” di ieri, da una disamina logicamente pragmatica e scevra da “indottrinamenti” di ogni sorta, del “nostro” passato -PROSSIMO- e anteriore…in quanto al messaggio “che passa giornalmente” NON concordo con il nokkiero poichè -VEDO-, al di là delle apparenze e delle “smentite” e negazioni PLATEALI, tra l’altro spesso MOLTO MIRATE sui singoli casi e contraddette da altre, di altrettanto singoli ma IN VISTA personaggi PUBBLICI, una PRESSANTE e istruttivamente CONDIZIONANTE continua AZIONE, sempre in ascesa negli ultimi 10 anni, dei PRIVATI e delle “associazioni” come dei MEDIA televisivi piccoli e grandi nel mondo, atta a SOSTENERE ALTO il dibattito, l’informazione ed i sondaggi d’opinione oltre che il SOSTENIMENTO di palinsesti fortemente NUTRITI di films e cartoons dai riferimenti DIRETTI ed inequivocabilmente “istruttivi”…per non parlare della cinematografia degli ultimi anni, letteralmente ESPLOSA, tra il genere fantastico e quello di fantascienza…

    per tutto ciò che è detto dal nocchiero SOSTANZIALMENTE concordo poiché rientra nel quadro generale da me sopra esposto che, a sua volta, si integra COMPLETAMENTE con quanto fin’ora detto e SOSTENUTO, sin dai primi articoli di Sabrina, nei miei commenti postati…

    la mia ipotesi A COMPLEMENTO è questa…gli allogeni, come gli ex-terrestri, sono già quì da sempre…vivono sottoterra, nelle profondità marine e confusi tra noi…ci sono arrivati e CI ARRIVANO, ci restano e se non “possono” RIPARTIRE, ci muoiono…gli alieni vengono e vanno a loro piacimento grazie alla propria o ALTRUI DISPONIBILITA’ di tecnologie adeguate al trasporto dai loro mondi…si fermano un periodo di tempo, BREVE o più lungo a seconda delle necessità, per poi tornare DA DOVE sono venuti…UNA PARTE, minimamente inferiore, delle autorità costituite ne è al corrente, un’altra no e, come la maggior parte della popolazione, NON PUO’ presumere un qualsiasi tipo di REALTA’ e scenario presente, e TANTO MENO futuro, ed E’ IN BALIA completa delle decisioni e scelte, da oltre 80 anni ad oggi, di quella parte “leader” umana-allogena-aliena, che “teme” E “RIMANDA” IL NUOVO GIORNO DELLA VERITA’ DEL MONDO da più di 10 anni “di nascosto” dopo averlo fatto, ancora UFFICIALMENTE ma “sottotono”, ai tempi di “IKE”…

    ora…TEMPUS FUGIT…il tempo del “cambio della guardia” si avvicina…coloro che “vigilano”, che si alternano in un consesso “intersistema” o di “quadrante”, SONO AL CORRENTE di ciò che E’ STATO nella storia e CHE AVVIENE quì…SANNO che noi popolazione NON possiamo VEDERE con i nostri occhi (rgb) le tecnologie umano-allogene-aliene che circolano, ormai da almeno 15 anni “monitorate” e autorizzate al volo e stazionamento nei nostri cieli, e SANNO che “queste autorità”, costituite al di sopra di SOLO una parte CONSENZIENTE dei governi del mondo, NON COSTITUISCONO una VERA RAPPRESENTANZA di 7miliardi di persone e di non so QUANTI MILIONI o più, di molte razze diverse, di allogeni stanziali…e SANNO, la cosa PIU’ importante, che nel momento della “rivelazione”, “parusia”, “apocalisse”, “discesa”, “presentazione”, “visita”, “contatto”, o come altro lo volete chiamare, che DOVRA’ avvenire con una razza DI PARI O SIMILE LIVELLO EVOLUTIVO-TECNOLOGICO al fine di EVITARE lo “shock culturale” conseguente, la MAGGIOR PARTE DELLA POPOLAZIONE dovrà essere preparata e consapevole di ciò che “sta per avvenire” e una SCELTA e nutrita RAPPRESENTANZA di persone ed “altri” allogeni, preparati e “all’altezza della situazione”, DOVRA’ inevitabilmente essere IL TRAMITE di rappresentanza per l’umanità…

    c’è solo “un piccolo problema”…in funzione di quell’ “accordo scellerato” di 50 anni fa, e dei TANTI successivi siglati fino ad oggi, qualcuno dei “vecchi firmatari”, che NON vuole “perdere” il ruolo di leadership mondiale, in funzione di quanto da me sopra esposto, sicuramente FARA’ DI TUTTO E DI PIU’ PER RIFILARCI una ormai “ben stagionata” FRITTATA MISTA “di 40 anni fa” fatta con allogeni-alieni DI PARTE, al posto di un “grande”, “bello” e quantomai atteso…

    UOVO FRESCO DI GIORNATA…e indovinate un pò di chi è…

    _”vigilate e siate pronti”_ parole recenti e NON mie…perché NON DOBBIAMO permettere che accada DI NUOVO ciò che finora ha IMPEDITO che questo mondo fosse GUARITO dai mali “di coloro che mandano in rovina la Terra e i suoi abitanti” (Ap.di Giov)…QUESTO E’ IL MOMENTO DI DESTARSI…di crescere e vivere quella NUOVA CONSAPEVOLEZZA personale che va al di la della sola razionalità cerebrale e che si unisce, e CI UNISCE, a quel INTUITIVO e LOGICO SENTIRE che passa ANCHE attraverso il chakra del cuore e di cui abbisogna la NUOVA UMANITA’ e l’uomo nuovo…”universale”…

    ah! dimenticavo…stasera su Italia 1 c’è “M.I.B.” alle 19.30 e subito dopo “Io sono leggenda”…NON perdeteveli…nel primo c’è quasi tutto di ciò di cui ho parlato sopra e nel resto del blog e il secondo “potrebbe” essere un esempio “palpabile” di uno dei tragici scenari vivibili se “i firmatari” decidono di farci “strozzare” la frittata ormai “stantia” attraverso “uno scontro con una civiltà ‘superiore’ destinata”, il “solito” nemico del momento “adatto” od un altro escamotage creato “ad hoc”…anche perché le nuove tecnologie globali alternative SONO GIA’ PRONTE e…ne parleremo a suo tempo…

    PER FAVORE!..ATTENZIONE!!.NON FACCIAMOCI “INCHIAPPETTARE” UN’ALTRA VOLTA!!!

    un saluto a tutti

Rispondi a nokkiero Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *