Un Ufo a Bergamo? Il racconto dell’avvistamento

Un Ufo a Bergamo? Lo dicono le cronache locali, che riferiscono di una serie di strani fenomeni avvenuti nella notte tra domenica 10 e lunedì 11 giugno, nelle campagne attorno a Caravaggio. Le notizie piuttosto frammentarie citano anche la presenza disegni in un campo di frumento: cerchi nel grano, insomma.

LE SPIGHE PIEGATE IN UN CAMPO VICINO A CARAVAGGIO (BG)

Ma andiamo con ordine. A raccontare quella notte di insoliti avvenimenti è il signor Alberto Stefano Ferrari, lettore del giornale online “BergamoNews” al quale ha inviato il suo dettagliato resoconto. Secondo la fonte- non si capisce se di seconda mano o testimone oculare– verso le 2 e un quarto i residenti della zona compresa tra Pagazzano e Masano sono stati svegliati da un cupo boato e da una luce verdastra accecante che roteava.

Il tutto sarebbe durato 30-40 secondi. Poi, un secondo boato ha segnato la scomparsa della sfera luminosa. Ma al suolo sarebbero rimaste le tracce di quell’evento, notate al sorgere del sole: della polvere di colore rosso e dei segni tra le spighe di un campo coltivato, che risultavano appiattite. Non solo. Il lettore parla anche di molte scie bianche nel cielo, “come se fosse stato sorvolato da aerei per ore”.

Ma il racconto prosegue, con particolari da film di fantascienza. Secondo Ferrari, infatti, sul posto sono poi arrivati “uomini in tenuta mimetico-militare” a bordo di quattro furgoni bianchi, mentre un elicottero sorvolava la zona e la strada più vicina “restava chiusa al traffico dalle 6 fino alle 9 e mezza di mattina”.

UN'ALTRA IMMAGINE DEL 'CERCHIO NEL GRANO' COMPARSO LA NOTTE DELL'11 GIUGNO

L’autore della segnalazione ha informato il Centro Ufologico Europeo che avrebbe confermato “una anomala turbina energetica” (sic) nella bassa pianura bergamasca. Va da sè che dopo la diffusione della notizia, molti curiosi si sono avventurati tra i campi alla ricerca dei segni lasciati da E.T. Ci sono andati anche i cronisti dell’Eco di Bergamo, secondo i quali, interrogati a proposito, i residenti di Pagazzano e Masano sono però letteralmente caduti dalle nuvole ed hanno negato di aver sentito o visto alcunchè.

Tra le spighe piegate sarebbero arrivati anche i carabinieri, attirati dalle voci insistenti che circolavano, ma sembra che anche le forze dell’ordine non abbiano riscontrato segni di un’invasione aliena. Insomma, dell’episodio ufologico con boato, luce accecante, polvere rossa e cerchi nel grano c’è ben poco.  Ci sono solo le foto scattate ed inviate a BergamoNews che però non sembrano prove dirimenti.

Quelle che ritraggono i campi mostrano dei punti nei quali le spighe sono adagiate sul terreno, come pressate, ma senza formare un disegno particolare.  Visto i forti temporali che negli ultimi giorni hanno imperversato sulla zona, la causa potrebbe essere proprio la pioggia battente. Le immagini del cielo celeste, poi, immortalano alcune scie bianche che si intersecano sopra gli alberi- alcune lineari, altre di forma circolare. Stop.

UNA SCIA FOTOGRAFATA NEL CIELO LA MATTINA DOPO

Insomma, nulla di eclatante. Ma Alberto Stefano Ferrari ricorda un altro episodio molto simile avvenuto, sempre in questa zona, alcuni mesi fa: anche allora- dice- venne udito un suono molto forte seguito da bagliori intensi. Fenomeno reale o semplice suggestione?

LORENZO CARLI

 

 

 
Condividi su:
Facebook Twitter Email

13 risposte a Un Ufo a Bergamo? Il racconto dell’avvistamento

  1. fabio scrive:

    …da verificare…

    gli avvistamenti, i rilievi fonici, le “scie” nel cielo e quanto altro sono da verificare a mezzo indagine con i testimoni…i segni nei campi presenti nelle foto sopra sono da considerarsi “allettamenti” naturali (ove non direttamente riconducibili all’opera diretta o indiretta di tecnologie “non convenzionali” o… CONVENZIONALI!!!) dovuti a vento, animali selvatici, pioggia, trombe d’aria o all’opera, “artefatta ad hoc”, di burloni e/o circlesmakers “disoccupati o in pensione” dopo e vista la pubblicazione “dell’opera prima”, di ricerca e definizione di alcune “fondamentali” nel settore dei “glifi nei campi di cereali”, condotta egregiamente dal ricercatore con il nikname “Gucumatz” e consultabile liberamente da tutti nel forum freeforumzone.leonardo.it…

    chi può…controlli questo caso…

    saluti

  2. nokkiero scrive:

    Ahi, ahi, ahi…caro Fabio, anche se non scrivo più in questo blog per non urtare la suscettibilità di qualcuno, La leggo sempre e, in questo caso, non posso fare a meno di srivere a Lei , rara persona seria e competente qui dentro, di lasciar perdere i vari Gugumatz , Inside e altri finti ricercatori in realtà depistatori che si aggirano in rete e di non frequentare “quel ” sito (capisciammè).
    Saluti

    p.s.: ma guarda un pò, adesso pure i temporali sono classificati come ufo. Poveri noi, povera ricerca!

    • fabio scrive:

      salve Nokkiero!

      è un piacere risentirla!..ma non credo che Lei susciti più o meno irritabilità di quanta ne provochi “moi” dato che…mi hanno anche “fanculizzato” ah!ah! in diretta…

      la “disquisizione” del ricercatore da me citato è in gran parte condivisa da me MA…ATTENZIONE! va da se che non è risolutiva (do per certo che Lei l’abbia studiata) del 100% dei casi (glifi nei cereali) verificatisi negli ultimi 40 anni nel mondo…nella ricerca condotta (2003-2006) dal nostro gruppo privato di studio tra i campi di cereali (nelle Marche) si giunse già all’epoca alla definizione (rilievi, dati e statistica) del DATO DI FATTO che circa l’80% dei glifi in Italia CON CERTEZZA fossero di “mano umana” e così un altrettanto 60/70% di quelli made in England, “Selling England by the Pound” (Genesis, 1973), dagli “artisti” di settore…ordunque a ri-va da se che, per motivi (100 e più) che non sto qui ad esporre prolissamente, almeno E PER CERTO circa un 1o-20% del TOTALE (e sono sufficienti) dei glifi nel mondo ESULANO dalle CARATTERISTICHE di base E NON di quelle di mano umana…ERGO le “mani” (peraltro tecnologiche) non sono le nostre!..come d’altro canto Lei BEN sa…

      di “quel” sito comprendo il suo pensiero ma se si vuole “cogliere”, tra la “cicorietta” e le “erbette” ah! ah!, qualche piantina di “fresca insalata di campo” è inevitabile il “doversi fare spazio” ah!ah!ah! tra la “gramigna” e la più ostica “ORTICA”!..il mio nik è FABIOSKY63 (ammesso che “mi facciano” scrivere “la verità”) e non ho dubbi nella Sua comprensione…

      e comunque sono certo che anche il dottor C. sappia BEN distinguere tra “un temporale estivo” ed una ben diversa…”tempesta tropicale”…naturalmente ciò (come “altro” già “notato” da Lei come da me) può solo significare che “il fine ultimo” o “transitorio” NON E’, o non è SOLAMENTE, quello della “ricerca”…

      grazie! e un cordiale saluto…
      a Lei e a tutti…

  3. luca scrive:

    ci sono percke lo stato nn dice niente

    • fabio scrive:

      …ci sono perché chi è “pagato” dallo “stato” li paghi per fare quello che fanno…

      “…scusi ma…per andare dove dobbiamo andare, dove dobbiamo andare?…” (Totò e Peppino al vigile) ah!ah!…

      istruzione specifica per “nuovi” impieghi specifici…

  4. Gucumatz scrive:

    @Nokkiero: “depistatore” lo vai a dire a tua sorella.

    @Fabio: il 10-20% di glifi nel mondo che esulano dalle caratteristiche umani mi piacerebbe proprio sapere dove stanno.
    Soliti luoghi comuni triti e ritriti, vecchi di decine d’anni, sbugiardati a tutti i livelli ed in tutte le maniera, che la gente continua però a ritenere validi. Informati un po’, invece che ripetere sempre le solite cose prive di fondamento
    http://space.crono911.net/forum/viewtopic.php?f=25&t=492&sid=8e1195d3c5f63a973db74992b4365769

    • fabio scrive:

      …salve Gucumatz…

      intanto, piacere di conoscerla…

      per quanto sopra citato Lei vuol forse dire che, con il fatto che il BLT (ho letto tempo fa il suo report) abbia sbagliato le analisi, abbia sbagliato i rilievi, abbia dato per certi dati “relativi” (non comparabili, non omogeneamente confrontabili), abbia avvalorato come “veri” glifi alcuni esemplari (“accertati” da studiosi) del tutto “approssimativi” (e “palesemente” di mano umana), noi ci troviamo, per tutto ciò e di fatto con TUTTI i glifi prodotti negli ULTIMI 40 anni, un accredito (di fattura) UMANO?..

      e quindi vuol forse dire che DI OGNI glifo (degli ultimi 40 anni) Lei è in possesso di un report con dati certi e affidabili, omogenei e compatibili tra di loro (di propria o altrui ma certificata produzione), tali da poterci permettere un confronto totale, reale e sistematico (diverso da quello del BLT) che ci conduca, al di là di ogni ragionevole dubbio (e basterebbe un solo glifo “dubbio” a fare la differenza), alla TOTALE matrice UMANA?(inclusi i filmati durante le produzioni dichiarate dai circlesmakers)…

      un’altra cosa…secondo Lei è possibile che COME noi umani OGGI abbiamo “imparato” a CREARE dei crops dal nulla (senza prototipo…l’arte che sorge dal genio), l’abbiano fatto anche i nostri ALTRETTANTO “burloni” predecessori del 1500-1600 magari con più o meno gli “stessi” scopi (incutere paura, stimolare soggezione, richiamare attenzione o suscitare altri “stati d’animo”, ecc) ed INNATA GENIALITA’ (arte rinascimentale)?..

      e, per terminare…SE degli “ipotetici INESISTENTI alieni” (o allogeni…più probabile) avessero nel tempo (40 anni) IMPARATO “la lezione” e, quando fosse stato “necessario” e NON di più, vista (anche “loro” vedono…e anticipatamente rispetto a noi che “siamo più lenti”) la prolifica produzione terrestre, quindi AVESSERO RIPRODOTTO “caratteristiche di base e NON (insieme) di quelle di mano umana”? e…

      ciò rendendo (ma è solo un’ipotesi ulteriore) quindi DEL TUTTO inutile, nel tempo dei 40 anni trascorsi (e qualche migliaio di crops), una semplicistica (se pur articolata) analisi, giusta o sbagliata (BLT) che sia, di differenziazione in base ai parametri da noi finora considerati?..

      per ciò che riguarda “la tecnologia” HO RISCONTRATO (in sede di sopralluogo, entro 24/72 ore, ai siti dei glifi) una presenza costante in cielo e a livello del terreno di macchine (ufo) di ogni genere: sfere, dischi, tubi, navette, piattaforme ed altro “appesi” al cielo…e d’altro canto, a terra, la costante presenza di alieni e allogeni di varie razze utilizzanti sistemi di occultamento sulle frequenze dell’RGB ma rilevabili, rispetto al tessuto di fondo delle foto, in quanto produttori di infrarossi oltre la soglia naturale circostante …500 foto circa della maggior parte dei glifi visitati nei sopralluoghi tra il 2003 e il 2006 nelle Marche (non ancora pubblicate)…

      come Lei anch’io ho rovistato tra la terra e le spighe per 4 anni cercando quanto da Lei nella “sua opera” ben descritto ma, mentre lo facevo, il mio amico fotografo scattava, dietro mia precisa indicazione, foto a 360° del panorama (basso/alto) attorno…rilevando, ma NON alla vista (on real time), quanto nel paragrafo precedente da me accennato…

      Lei comprenderà, egregio Gucumaz, che SE QUANTO da me poco fa descritto riguardo le nostre foto del “viaggio tra i glifi” fosse VERO, ben POCA differenza farebbe “il vero o il falso” di un crop (o di tutti) DI FRONTE alle NUOVE ed IMPROROGABILI DOMANDE che saremmo, da ricercatori intelligenti quali siamo e PIU’ che da “imbianchini di facciata”, COSTRETTI urgentemente a porci…

      un cordiale saluto…

      • Gucumatz scrive:

        Allora Fabio, vedo che la mia domanda, che verteva sulla TUA affermazione circa quel 10-20% di cerchi che (secondo te) esulerebbero dalla capacità umane, è stata del tutto elusa.

        Rigiri infatti la frittata, chiedendomi se ho prova (o documentazione completa) di tutti i crop circles comparsi fin’ora.

        Ecco, già qui si comprendere bene l’erroneità del tuo atteggiamento su questo tema. Se dici che PER TE esiste un 10% di cerchi che esulano dalla capacità umane, allora dovresti sapere giustificare la tua affermazione. Ne sei in grado?
        Ovviamente NO.
        Perché questa percentuale è sparata a caso, deriva da quella catasta di luoghi comuni e nozioni PRIVE DI FONDAMENTO che ammorbano il mondo dei crop circles.

        Quindi, punto primo: tu non hai la benchè minima idea di quali sarebbero questi cerchi “non umani”. E se ce l’hai, deriva da informazioni che sono state ampiamente smentite, semplicemente da un confronto tra dati, analisi, documenti e riscontri.

        Per quanto riguarda tutti gli altri cerchi: tu conosci un solo feneomeno in natura che sia studiato ed analizzato in ogni sua SINGOLA manifestazione?
        No.
        Faccio un esempio: hai fatto le radiografie a tutti i gatti, per vedere se contengono uno scheletro? No. Però sai che ogni volta che qualcuno l’ha fatto, l’ha verificato.
        Hai provato a lanciare tutti i sassi che hai trovato per strada, per vedere se obbediano alla legge di gravità?
        No, ma se lo facessi, vedresti che reagiscono tutti allo stesso modo.

        Questo discorso, riportato nei crop circles, ci porta a vedere che OGNI VOLTA che una formazione è stata studiata attentamente, ha sempre ed inevitabilmente mostrato i tipici segni di intervento umano. Che sono rappresentati da linee di costruzione, da schiacciamento meccanico delle piante, da linee parallele lasciate dalle assi, da segnetti bianchi alla base del grano, dovuti alla pressione degli attrezzi, ecc.ecc.

        Per contro, NESSUNA dell “anomalie” riscontrate dal BLT (o chi per loro) si è rivelata realmente anomala (e l’ho spiegato in quelle pagina già linkate)

        Quindi abbiamo un fenomeno che nella sua globalità è stato a volte approfonito ed a volte no. Ma tutte le volte che l’approfondimento c’è stato, è sempre emerso il coinvolgimento umano.
        Appellarsi alla mancanza di documentazioni “totali” su tutte le formazioni significa non avere capito niente di cosa sia il normale processo conoscitivo (sia “scientifico” che istintivo)
        Perchè, a meno che tu non lanci tutti i sassi che trovi per strada, anche tu capirai benissimo che un principio è valido, FINO A PROVA CONTRARIA, su tutti gli elementi simili. Così tutti i sassi cadono a terra, FINO a PROVA CONTRARIA, tutte le teste una pallottola all’interno sono vittime di colpo d’arma da fuoco, FINO A PROVA CONTRARIA e tutti i cerchi che mostrano le solite caratteristiche tipiche dell’intervento umano sono OPERA UMANA, fino a prova contraria.

        Questo è un principio banalissimo (che ho spiegato anche in quei links) che però molta gente fa fatica a comprendere. Mi piacerebbe sapere il perché…

      • Gucumatz scrive:

        Per quanto riguarda i cerchi di 500 anni fa…Anche qui ti invito ad informarti meglio.
        Nessuno dei famosi casi citati è riconducibile ai crop circles, per come li conosciamo oggi.
        Ormai il “mowing devil” è considerato anche dai maggiori “believers” come un caso del tutto non inerente (vedi qui un articolo che ne illustra i motivi http://www.cicap.org/crops/002.htm) mentre per R.Plot siamo addirittura su campi totalmente diversi (vedi risposta n.18 a pagina 31 di questo documento http://it.scribd.com/doc/71828218/Crop-Circles-Le-Spiegazioni-Di-Gucumatz)
        Anche negli altri casi siamo sempre sulla stessa linea: niente che possa ricondurre REALMENTE al fenomeno crop circles, per come lo intendiamo oggi (cerchi geometricamente complessi)
        Quindi il tuo luogo comune casca male anche in questo caso.

        Sulle “anomalie” fotografiche a te riscontrate, mi spiace ma mi sembra perfettamente chiaro da come parli che quello che hai visto nei tuoi scatti sono con tutta probabilità “orbs” o “blurfos”.
        Sono effetti visti tante volte in foto (non solo dentro ai cerchi) che i believers cercano di spacciare per UFO o entità energetiche. Ma che si spiegano facilmente con pulviscolo in aria, insetti, polvere, umidità, lens flares o appunto “blurfo”.
        Per tutte queste caratteristiche puoi fare riferimento a decine di discussioni in rete, oppure rivolgerti (se vuoi una conferma o un’analisi) a “Photobuster”: http://photobuster.blogspot.it/

  5. daniele scrive:

    o messo un video su youtube che si chiamo ufo? bergamo 9 maggio 2012 11.20 dagli un occhiata grazie

    • fabio scrive:

      salve Daniele…

      ho dato un occhio (non bene ancora…me lo stanno scaricando) al corto da Lei postato…per poterlo BENE analizzare (al pc…rgb,ir,uv) avrei bisogno dell’originale così COME scaricato nel pc, senza manipolazioni o “transfert” ah!ah! che purtroppo ALTERANO inevitabilmente le fondamentali…

      a prima vista c’è un punto riflettente (apparentemente lontano) in movimento che sembra lampeggiare, 2 “oggetti” scuri stazionanti che “assorbono” l’RGB solare, altre “cose” vicine e lontane tra le nuvole che alla semplice visione del filmato NON sono rilevabili…

      quando lo avrò “analizzato” (se può intanto mi invii l’originale), entro 24/72 ore, le scriverò cosa “penso”…

      un saluto

      • raffaele scrive:

        avvistate 5 luci rosse a costa volpino che fluttuavano nel cielo.Sono comparse dal cielo a distanza di due minuti l’una dall’altra.Hanno sorvolato su ben 3 paesi lentamente e mantenendo sempre la stessa direzione orizzontale,quando arrivate a un certo punto del cielo si sono arrestate e si sono sopraelevate fino a scomparire..il giorno era venerdi 149\2012 ore 22:10.

  6. Malles scrive:

    Quando un’anguilla viene confusa con il serpentello spiumato della tribù dei Maya Quichè…ovvero l’E.T. Q’uk’umatz o Hurakan che dir si voglia.

    Me ne duole per il DR.Fabiosky che era a corto di argomenti, gli avrei dato volentieri una mano in questo caso …

Rispondi a raffaele Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *