“Presto riprodurremo un DNA alieno “

Ricopiare un DNA alieno per riprodurre in laboratorio una creatura di altri mondi. Non è la trama dell’ultimo film di fantascienza di Riddley Scott, ma il progetto del genetista J. Craig Venter, uno degli scienziati che ha mappato il genoma umano: presto, dice, saremo in grado di duplicare forme di vita extraterrestri. Come? Semplice: con un software e una stampante in 3D…

POTREMO PRESTO STAMPARE IN 3D DNA E CELLULE VIVENTI

Con questo metodo, dice il ricercatore, si potranno disegnare ogni tipo di cellula e anche interi organismi. Le prime ricadute di questa straordinaria tecnologia saranno di grande utilità: potremmo produrre biocarburanti, combattere il riscaldamento globale, sviluppare nuove terapie mediche, come Venter spiega nel suo ultimo libro “Life at the Speed of Light: From the Double Helix to the Dawn of Digital Life” (“Vita alla velocità della luce: dalla doppia elica all’alba della vita digitale“).

Nel libro, da poco uscito sul mercato anglosassone, affronta l’annosa questione: cosa è la vita? Per il genetista, può essere ridotta a “proteine robot” e a “macchine DNA”, ma crede anche che il futuro ci riservi molte, straordinarie opportunità per creare, da zero,  nuovi organismi viventi.

Lo scienziato è un pioniere in questo settore: è stato il primo a creare una forma di vita sintetica nel 2010, denominata “Mycoplasma Laboratorium”, per la quale ha chiesto il brevetto. L’obiettivo è stato raggiunto inserendo il genoma di un microbo, modificato in laboratorio, nella cellula di un batterio che si è poi riprodotto: il primo organismo creato direttamente dall’Uomo. Ora Venter è a capo dell’istituto che porta il suo nome e che continua le ricerche sulla biologia sintetica.

IL GENETISTA J. CRAIG VENTER

“Ormai gli scienziati sono in grado di manipolare e modificare il DNA aggiungendo determinate caratteristiche per creare dei microbi su misura”, ha affermato lo studioso. A suo avviso, siamo insomma all’inizio di una “rivoluzione genetica” che permetterà all’umanità di modificare a proprio vantaggio tutte le forme viventi presenti sulla Terra, dal grano in grado di resistere alla siccità e alle malattie, agli organismi artificiali capaci di produrre farmaci. Non solo: le cellule sintetiche potrebbero essere usate anche per potenziare l’intelligenza o allungare la durata della nostra esistenza.

Gli scienziati giocano dunque a fare Dio? Quali implicazioni morali comporta cambiare, trasformare o addirittura creare dal nulla la vita? A quali pericoli concreti ci può esporre? Preoccupazioni delle quali Venter non si preoccupa, scrive nel libro. Anzi. “La mia paura più grande non è l’abuso della tecnologia, ma il suo mancato utilizzo”. Ecco perchè il ricercatore guarda in avanti e prospetta scenari futuristici: entro tempi brevi, dice, saremo pronti anche a riprodurre in laboratorio forme di vita che non esistono qui, sul nostro pianeta, ma che si sono sviluppate su altri mondi.

“Sono fiducioso del fatto che una volta c’era la vita su Marte e forse potrebbe esistere ancora. Non è lontano il giorno nel quale potremo spedire su un altro pianeta una sonda robotica capace di leggere la sequenza del DNA di un qualche microbo. Se poi riusciamo a trasmetterla sulla Terra (alla velocità della luce, come recita il titolo del libro) saremo in grado di ricostruire quei genomi“,  sostiene J. Craig Venter. La versione sintetica di un DNA scoperto ad esempio su Marte potrebbe permetterci di ricreare, qui, sul nostro pianeta,  la vita marziana.

LA TERRA E MARTE

L’eventuale microorganismo alieno verrebbe prima disegnato sul computer e digitalizzato,  venendo così tradotto, con un particolare software, in una serie di dati da inviare ad una stampante biologica in 3D che provvederebbe a realizzarlo. Una prospettiva strabiliante, che presenta però anche il rovescio della medaglia: con la stessa tecnologia, anche delle creature aliene altamente evolute potrebbero ricavare le sequenze del nostro DNA per riprodurre in modo sintetico degli esseri umani sui loro pianeti. Ma questa è fantascienza… Oppure no?

SABRINA PIERAGOSTINI

 

Condividi su:
Facebook Twitter Email

4 risposte a “Presto riprodurremo un DNA alieno “

  1. Pingback: “Presto riprodurremo un DNA alieno “ | Frog In The Box

  2. Malles scrive:

    Una dichiarazione di questo signore che fa :”La mia paura più grande non è l’abuso della tecnologia,ma il suo non utilizzo “.A parte l’etica d’impostazione religiosa, quando mai l’abuso di una qualsivoglia cosa non si è mai ritorta contro agli sconsiderati e soprattutto contro gli innocenti?Noi viviamo in una epoca di abusi quotidiani,in ogni settore,le prevaricazioni e le sofferenze derivate da tecnologie incontrollate non hanno ancora insegnato nulla e dubito che mai nulla insegneranno

  3. Gianfranco scrive:

    Concordo con Malles ed in più aggiungo che il grande scienziato dimentica che l’evoluzione degli esseri è avvenuta lentamente in modo di dare il tempo di adattarsi all’ambiente senza creare discontinuità pericolose per l’ambiente stesso ed esseri compresi. Inserire di punto in bianco un organismo “diverso” nel nostro ambiente è un pò come mettere un coccodrillo in piazza di Spagna a Roma. Quali conseguenze possono derivare? Non per essere contrario, ma bisogna stare molto attenti perchè le conseguenze non sono prevedibili.

  4. fabio scrive:

    concordo con voi..:)
    e comprendo perfettamente le tante implicazioni…

    tra l’altro TUTTI pensieri ed opinioni (i miei) già esposti in precedenti articoli ove l’etica, la morale, e la professionalità, entrano giocoforza nella discussione…

    se fossimo già nell’epoca di Hari Seldon, il matematico…

    http://it.wikipedia.org/wiki/Hari_Seldon

    potrei dirvi se e dove ci sarà l’inghippo, la trappola, il default…e quindi quale potrebbe essere la strada migliore da seguire ma, ma…

    http://it.wikipedia.org/wiki/Piano_Seldon

    questa NON è Trantor, NON è stata teorizzata la “psicostoria”, NON esiste ancora la Prima Fondazione, NON è ancora sorto il Primo Impero Galattico…o, forse si! mmh! chi può dirlo?..

    http://it.wikipedia.org/wiki/Fondazione_(romanzo)

    comunque c’è SEMPRE un Golan Trevize “pronto” ad essere inviato da “forze superiori” a scegliere -CAMBIARE?- i destini dell’umanità…”non siamo soli”…

    http://it.wikipedia.org/wiki/Psicostoria

    variabili incalcolabili, anche OLTRE le capacità “psicostoriche” della Fondazione e dei suoi sconosciuti componenti, che NON possono prevedere L’ANOMALIA eh!eh! “imprevedibile”…come il Mulo, ad esempio…

    http://it.wikipedia.org/wiki/Il_Mulo

    l’essere umano -L’UOMO NUOVO- geneticamente evoluto che, sfruttando l’intelligenza e tutte le sue capacità esp, parte alla conquista della Galassia…un futuro tra quelli possibili..;)

    ho una mezza idea che tutto quello che potevano (“Loro” e noi) fare -a livello scientifico- con il nostro DNA sia GIA’ stato fatto negli ultimi 25 anni…e NON credo che -in qualsiasi dei casi- dobbiamo aspettarci che ce lo dicano…

    http://it.wikipedia.org/wiki/DNA

    l’uomo che volerà tra le stelle dovrà -PER FORZA- avere caratteristiche superiori, ne va della sopravvivenza della specie…”sappiamo”, anche se nessuno ce lo dice, che lassù c’è di tutto e DI PIU’…

    basta guardare quaggiù per rendersi conto! e lassù…è tutto PIU’ “grande” e più vasto…

    salute e prosperità..:)

Rispondi a fabio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *