Figli delle Stelle, prenotati con il pop-up!

Ormai tutto è pronto… A fine mese tornerà l’appuntamento con “Figli delle Stelle, il meeting internazionale di esobiologia promosso ed organizzato da Extremamente. La quarta edizione si terrà nel centro di Milano in una sola giornata, domenica 25 settembre. Per partecipare tra il pubblico, cliccate sul pop-up che si apre in homepage e seguite le istruzioni. Se avete un programma per bloccare pop-up e banner, disattivatelo oppure ecco cosa vi perderete…

La location: anche quest’anno, prestigiosa. Dopo la Sala Radetsky di Palazzo Cusani- sede del Comando Esercito Lombardia- che ha ospitato il convegno nel 2015, ora l’incontro si sposta nel bellissimo Salone degli Affreschi della Società Umanitaria, storico ente di beneficienza di Milano, in quello che una volta era il refettorio di un monastero. Il salone deve il suo nome al vasto affresco che raffigura la crocifissione ed è ritenuto opera degli allievi di Leonardo da Vinci. Uno spettacolo.

Gli ospiti: tra loro alcuni amici che anche quest’anno hanno voluto esserci. A partire da Mauro Biglino che ha subito garantito la sua partecipazione al meeting. Biglino ha appena pubblicato un nuovo saggio con UnoEditori- “Antico e Nuovo Testamento- Libri senza Dio”- nel quale la sua analisi letterale del testo biblico approda ai Vangeli e alla figura del Cristo.

A “Figli delle Stelle” interverrà poi Pietro Buffa: biologo molecolare, specializzato in bioinformatica, è autore del libro “I geni manipolati di Adamo Le origini umane attraverso l’ipotesi dell’intervento biogenetico” (UnoEditori). Un titolo che sintetizza perfettamente il punto di vista del dottor Buffa, consapevole- dati scientifici alla mano- che la filogenesi umana eccezionalmente rapida grazie soprattutto a tre importanti “balzi evolutivi” sia ancora un problema irrisolto per la scienza ufficiale.

Scienza ufficiale che quest’anno sarà rappresentata anche dal professor Salvatore Capozziello, docente di astronomia e astrofisica all’Università Federico II di Napoli. Con lui, cercheremo di capire meglio cosa cambia, nel nostro universo, dopo la conferma dell’esistenza delle onde gravitazionali postulate 100 anni fa da Einstein; indagheremo sui tunnel spazio-temporali e sulla possibilità di viaggiare nel tempo; scopriremo quanto sia diventato più labile il confine tra scienza e fantascienza.

Tornerà il decano dell’ufologia italiana, il sociologo Roberto Pinotti. Nell’occasione presenterà il suo ultimo libro, fresco fresco di stampa, edito da Mondadori e dal titolo “UFO e Vaticano: la Chiesa e la vita extraterrestre”. Un tema delicato, ma appassionante, sul quale l’autore espone questa tesi: già dagli anni ’50, i vari successori di Pietro hanno preparato i fedeli ad una nuova realtà teologica e storica che contempla anche i “fratelli dello spazio.”

Con piacere, avremo poi come relatori due noti esperti in materia come Pablo Ayo– ormai presenza immancabile- e Maurizio Baiata. Ayo ha appena pubblicato il libro “Visitatori da altri mondi- Casi, testimonianze e studi sugli incontri ravvicinati del quarto tipo”(Armenia). Un’esperienza a quanto pare vissuta in prima persona da Baiata, come il giornalista ha avuto modo di raccontare nel testo autobiografico “Gli Alieni mi hanno salvato la vita” (Verdechiaro Edizioni).

Un tema- quello delle abduction– molto discusso e molto contestato, ma sicuramente affascinante. Sarà un ospite internazionale a parlarne, il 25 settembre- un ospite davvero molto famoso in tutto il mondo. Il suo caso è così clamoroso da aver ispirato film e documentari. Sì, è proprio lui, Travis Walton, il boscaiolo di Snowflake, protagonista di una vicenda a dir poco incredibile nell’ormai lontano 1975.  E al convegno di Milano sentiremo come siano andate le cose direttamente da lui, in arrivo dall’Arizona.

E le sorprese potrebbero non essere finite. Siamo ancora in attesa della conferma dell’ultimo ospite che non possiamo rivelare ma che darà ancora più prestigio all’incontro. Un appuntamento imperdibile, esclusivo e riservato a voi, soci e amici di Extremamente: i posti a disposizione sono 250. Noi ci saremo. E voi?

Condividi su:
Facebook Twitter Email

I commenti sono chiusi.