Mauro Biglino ospite di Extremamente su Clubhouse

Uno scrittore controverso, scomodo, destabilizzante. I lettori lo adorano, lo seguono in massa nelle sue apparizioni pubbliche (ormai essenzialmente online) mentre i suoi libri- saggi, non romanzi gialli o diari comici- vendono ogni volta migliaia di copie. Ma i critici non gli risparmiano dure contestazioni e attacchi pesanti, anche personali. Insomma, nello stesso tempo è un personaggio divisivo e un fenomeno mediatico. Parliamo ovviamente di lui, Mauro Biglino: dopo “Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia” – pubblicato nel 2010- ha ottenuto un successo dopo l’altro e non si è più fermato.

Continua a leggere

«Tanti gli UFO avvistati, anche dai satelliti»

I video con strani velivoli dalle prestazioni strabilianti ripresi dai piloti della US Navy non sono gli unici in possesso del Pentagono. Anzi, ce ne sono molti di più, altrettanto inspiegabili. Ad aver “agganciato” quegli oggetti misteriosi, poi,  non sono stati solo i radar o le sofisticate telecamere agli infrarossi di cui sono dotati i jet militari americani, ma anche i satelliti e altre strumentazioni che vigilano sul nostro pianeta. Affermazioni di un certo peso, soprattutto perché provengono da una figura di grande rilievo all’interno del mondo delle agenzie di sicurezza statunitensi, ovvero John Ratcliff, Direttore della National Intelligence durante l’Amministrazione Trump.

Continua a leggere

Svelato il mistero di Oumuamua?

Un mistero cosmico. Arrivato da chissà dove, scomparso in direzione dello spazio profondo, nella sua fugace apparizione nel sistema solare nell’ottobre 2017, Oumuamua ha lasciato insoluti molti interrogativi riguardo la sua origine e la sua reale natura. Non solo: il bizzarro oggetto dalla forma stranamente piatta e allungata e dalla traiettoria altrettanto anomala ha aperto anche una querelle tra gli astrofisici divisi dalle diverse interpretazioni- una delle quali talmente clamorosa da aver meritato i titoli sui giornali. Ma adesso due ricercatori ritengono di aver trovato la risposta all’enigma.

Continua a leggere

Il Meccanismo di Anticitera riprodotto in 3D

Non ha ancora svelato tutti i suoi segreti, ma almeno ora sappiamo com’era e come funzionava: parliamo del “Meccanismo di Anticitera”, una meraviglia di 2 mila anni fa che alcuni hanno attribuito al genio matematico di Archimede, morto durante l’assedio di Siracusa nel 212 a.C. Un vero e proprio oggetto fuori dal tempo, incoerente con quello che sappiamo in merito alla tecnologia in uso tra gli Antichi Greci. Ora un gruppo di ricerca inglese è riuscito a realizzare un modello digitale completo che mostra l’aspetto originale di quello che è stato definito il primo computer analogico della storia, riemerso all’inizio del secolo scorso dal mar Egeo, di fronte all’isoletta greca che gli ha dato il nome.

Continua a leggere

Le esperienze di pre-morte e lo psichiatra: « C’è vita oltre il corpo fisico»

Per cinquant’anni ha studiato un fenomeno antico come l’uomo e che dopo migliaia di anni non ha ancora una spiegazione univoca. Perché da sempre alcuni individui sperimentano esperienze drammatiche e nello stesso tempo illuminanti: arrivano a un passo dalla morte e quando tutto sembra finito, per loro tutto invece sembra avere finalmente inizio. Sono le esperienze di pre-morte sulle quali la scienza da tempo si interroga. Lo ha fatto anche Bruce Greyson, professore emerito di Psichiatria all’Università della Virginia che dopo mezzo secolo ha deciso di raccogliere in un libro le storie sorprendenti che tanti sopravvissuti gli hanno raccontato.

Continua a leggere

Dagli asteroidi alle super-Terre per cercare la vita

Il mistero da risolvere è sempre quello: esistono altre forme di vita nel cosmo? Come e in quali condizioni si possono formare? Per astrofisici e astrobiologi, la sfida del XXI secolo è trovare risposta a queste domande il prima possibile, magari entro la fine del decennio. Nuovi indizi utili possono arrivare dallo studio delle atmosfere di lontani esopianeti ma anche dalle analisi degli asteroidi. Un frammento recuperato da una sonda giapponese inviata nello spazio nel 2003 ha rivelato qualcosa di inatteso.

Continua a leggere