Il Senato USA vuole tutte le informazioni sugli UFO

Un’analisi dettagliata dei dati riguardanti i fenomeni aerei non identificati e di tutta la documentazione dell’Intelligence, raccolta o in possesso dell’ufficio competente della Marina Militare. La vuole il  Senatore Marco Rubio, ex candidato alla nomination repubblicana e ora a capo della Commissione Intelligence del Senato degli Stati Uniti. Il rapporto non dovrà essere classificato- quindi, sarà di libero accesso per tutti- anche se potrà avere un allegato coperto da segreto. L’iniziativa è senza precedenti e potrebbe aprire una falla nella decennale politica di chiusura e negazione di Washington sull’argomento-tabù, gli UFO.

Continua a leggere

“UFO-Parlano i piloti”, il libro-inchiesta

copertina io“Era un oggetto reale e io l’ho visto. Non veniva dalla Terra”. Sono le parole pronunciate da David Fravor, ex pilota della US Navy, il primo ad ammettere di aver visto, ai comandi del suo aereo, un oggetto dalle prestazioni incredibili poi ripreso in almeno tre circostanze dalle telecamere montate sui jet Super Hornet. Un testimone d’eccezione, video straordinari.

Ma non sono certo gli unici. E nemmeno i primi. Gli incontri  in quota dei top gun ella Marina militare USA- riconosciuti dal Pentagono come autentici filmati di veri fenomeni non identificati– sono gli ultimi, in ordine di tempo, di una lunga serie di avvistamenti senza spiegazione che hanno avuto per protagonisti i piloti, sia militari che civili.

 copertina ufo parlano i piloti“UFO- PARLANO I PILOTI” ne ripercorre la storia analizzando i casi più emblematici, nel mondo e in Italia, con documenti ufficiali, interviste e testimonianze inedite, e ne prende in esame le potenziali implicazioni. Il libro-inchiesta scritto da Sabrina Pieragostini e Alberto Negri, edito da Mursia, è in vendita in libreria e nei principali store online.  È già primo nella classifica bestseller di IBS nella sua categoria, prenotalo subito!  https://www.ibs.it/ufo-parlano-piloti-libro-alberto-negri-sabrina-pieragostini/e/9788842560913

Trump: «Su Roswell so cose interessanti»

Più di 70 anni dopo, Roswell resta un mistero e continua ad affascinare l’immaginario collettivo. Cosa accadde, veramente, all’inizio del luglio 1947 nelle campagne attorno alla cittadina del New Mexico? Cosa videro davvero i tanti testimoni che a distanza di molti anni si fecero avanti raccontando di astronavi cadute dal cielo, corpi di alieni morti e altri dettagli da romanzo di fantascienza? E cosa nascosero all’opinione pubblica i militari e le autorità politiche, ai tempi e anche ora? Insomma, cosa si cela dietro al caso ufologico più famoso al mondo? Adesso anche Donald Trump ha volut0 dire la sua.

Continua a leggere

Le civiltà evolute nella Via Lattea? Da 36 a 928…

Attorno a noi, nella Via Lattea, ci sarebbero almeno 36 civiltà avanzate, ovvero in grado di comunicare nello spazio. A dirlo, è il calcolo di un team di astrofisici che ha pubblicato il risultato dello studio sulla rivista scientifica The Astrophysical Journal. Un grande passo avanti rispetto alle stime precedenti, vagamente comprese tra zero e svariati miliardi, secondo l’Università di Nottingham per la quale lavorano i ricercatori. Merito, soprattutto, del nuovo approccio all’annoso problema: siamo soli nell’Universo? Continua a leggere

“UFO-Parlano i piloti”, il nuovo libro-inchiesta

I video del Pentagono hanno acceso come mai in passato i riflettori sugli UFO: grazie alla loro eccezionalità, le immagini di quegli strani velivoli dalle prestazioni inusuali inseguiti in volo dai jet della US Navy si sono guadagnate servizi televisivi e articoli di giornali di solito disinteressati al fenomeno. Ma non sono certo i primi casi straordinari che hanno avuto per protagonisti i piloti. Anzi, la storia dell’Aeronautica, tanto civile che militare,  è costellata da una lunga serie di incontri inspiegabili.

Continua a leggere

I pianeti come Arrakis e Tatooine sono abitabili

Nella lista dei mondi abitabili– e potenzialmente abitati- spunta una categoria in più: quella dei pianeti avvolti da uno spesso strato di polvere. Sotto quella coltre, potrebbero realizzarsi le condizioni più adatte allo sviluppo della vita . Ma nello stesso tempo, proprio quel pulviscolo disperso nell’atmosfera rischia di ostacolare le analisi e le osservazioni delle nostre strumentazioni che cercano le prove di biofirme, ovvero tracce di vita.

Continua a leggere