“Nei laboratori stanno esaminando i frammenti degli UFO”

Nessuna prova certa, nessun elemento analizzabile, nulla di concreto. L’ufologia è rimasta sempre ai margini della ricerca proprio per questa carenza di dati oggettivi, verificabili e riproducibili, gli unici sui quali la scienza accetta di confrontarsi. Così tutto quello che è stato detto, ammesso e rivelato sugli UFO (spesso da addetti ai lavori in posizioni molto elevate nella catena del comando) è sempre stato archiviato come frutto della fantasia, del tutto priva di fondamento. Ma cosa accadrebbe se un giorno un laboratorio scientifico dimostrasse la provenienza non terrestre di un oggetto scoperto sul nostro pianeta?

Continua a leggere

Ma Apophis ci colpirà oppure no?

Emergenza asteroidi. Sono milioni le rocce spaziali che vagano nel sistema solare, con diametri  che variano da poche decine di centimetri a centinaia di metri, fino addirittura chilometri. Migliaia di questi “proiettili”, quelli con le orbite più ravvicinate alla Terra,  i cosiddetti NEOs, ovvero Near Earth Objects, sono potenzialmente pericolosi e per questo vengono tenuti costantemente sotto controllo. Uno di quelli più noti e monitorati, adesso, preoccupa gli scienziati russi che hanno lanciato l’allarme.

Continua a leggere

Il polo nord magnetico si sposta più velocemente: cosa accadrà?

Il polo nord magnetico della Terra sta migrando un po’ più a nord. Si è infatti spostato sensibilmente: si sta allontanando sempre di più dalle coste artiche canadesi, in direzione della Siberia. Non è una novità che il polo magnetico sia soggetto a mutamenti, ma il punto è che negli ultimi mesi il processo sta notevolmente accelerando, prendendo alla sprovvista gli stessi geologi che periodicamente aggiornano la rappresentazione del campo magnetico terrestre.  E che ora sono preoccupati.

Continua a leggere

I “lampo radio veloci” sono prove di civiltà aliene?

Segnali brevissimi, ripetuti, misteriosi. Arrivano dallo spazio profondo, da una distanza di un miliardo e mezzo di anni luce, da un’altra galassia. Li ha captati, nei giorni scorsi, il radiotelescopio canadese CHIME, acronimo di Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment, il più potente al mondo nel suo genere, costruito per creare mappe tridimensionali dell’universo raccogliendo dati spazio-temporali. Ma ha raccolto anche questi impulsi di energia che ora fanno discutere gli astronomi.

Continua a leggere

L’antica scienza hindù scatena nuove polemiche

Migliaia di anni fa, in India si praticava già l’inseminazione artificiale, le gravidanze in vitro era una realtà e si conoscevano nozioni molto più avanzate e precise in ambito fisico di quelle attuali. Dichiarazioni sorprendenti, per non dire sconcertanti, per gli appartenenti al  mondo accademico indiano. Perché a farle sono stati dei loro colleghi nel corso di un convegno scientifico, dal quale hanno dovuto subito prendere le distanze. Ma ormai la notizia aveva fatto il giro del mondo.

Continua a leggere

Il Project Blue Book diventa una serie TV

Di fiction sui dischi volanti ne abbiamo viste tante. Ma questa è diversa, perché vuole raccontare le origini del fenomeno UFO con un approccio quasi storico, sulla base di documenti e fatti reali svelando come il Governo americano, fin dall’inizio, abbia cercato di insabbiare e nascondere le informazioni, negando credibilità a centinaia di testimoni affidabili. È la storia del Project Blue Book, il programma segreto lanciato da Washington nel 1952 e chiuso ufficialmente nel 1969, diventato ora una serie tv.

Continua a leggere