L’ex spia britannica: «Recuperato un UFO nel nord dell’Inghilterra»

Nelle scorse settimane,  è stato reso pubblico il rapporto definitivo del Pentagono sugli UFO: la revisione di tutti i casi presi in esame negli ultimi 80 anni dai servizi segreti americani è arrivata alla conclusione che gli oggetti volanti non identificati sono tali soltanto per mancanza di dati. In realtà, secondo l’autore del rapporto- il fisico Sean Kirkpatrick, direttore fino a pochi mesi fa dell’AARO (All-domain Anomaly Resolution Office), tutti gli avvistamenti avrebbero una spiegazione convenzionale: gli insider che hanno diffuso notizie sull’esistenza di velivoli non terrestri, di programmi di retroingegneria aliena e di materiali sconosciuti hanno solo frainteso e propagato voci infondate di altri funzionari altrettanto disinformati. Mistero risolto. O forse no. Dalla Gran Bretagna, infatti, si è fatto avanti un veterano delle Forze Speciali di Sua Maestà con informazioni un po’ diverse.

Continua a leggere

Il 7 aprile a Rho “I misteri della tazzina”

“I misteri della tazzina” a Rho. Al convegno “UFO: La rivelazione”, promosso dal CUFOM (il Centro Ufologico del Mediterraneo)  che si terrà nella cittadina lombarda domenica 7 aprile, saranno presenti anche Sabrina Pieragostini e Flavio Vanetti, gli autori del libro edito da Minerva. Intervistati dal presidente di Spazio Tesla Alberto Negri, affronteranno alcune delle tematiche prese in esame da “I misteri della tazzina”: fenomeni soprannaturali, paranormali ed extraterrestri che sembrano spesso intrecciati, interconnessi, sovrapponibili come se fossero aspetti differenti di un’unica realtà “altra” ancora per molti versi incomprensibile.

LA LOCANDINA DEL CONVEGNO DI RHO DEL 7 APRILE

LA LOCANDINA DEL CONVEGNO DI RHO DEL 7 APRILE

Tanti gli ospiti di questo appuntamento: Pierfortunato Zanfretta, protagonista di un celebre caso di rapimento alieno negli Anni Settanta; Umberto Morazzoni e Riccardo Tomasina che parleranno delle piramidi bosniache;  il ricercatore  Antonio Pisano che presenterà filmati e foto dei suoi avvistamenti UFO; Laurienit, una contattata che afferma di comunicare con esseri provenienti da Orione. Parteciperanno alla giornata il presidente del CUFOM Angelo Carannante con Ennio Piccaluga, Berardino Ferrara, Cinzia Defendi e Massimo Tampieri, soci del centro di ricerca. insieme a Conan  e Simo- gli organizzatori. Il convegno di Rho è  giunto alla sua quarta edizione e ha sempre riscosso un grande successo di pubblico. Come sempre sarà ad ingresso libero. Si partirà alle ore 9:30 presso l’ Auditorium Padre Reina in via Meda 20. Maggiori informazioni sul sito web del CUFOM

 

 

Santiago e Sebastian, le due nuove mummie di Nazca

Mummie di Nazca, nuovi colpi di scena. Nella telenovela latino-americana incentrata sul ritrovamento in Perù di decine-se non centinaia- di corpi e parti di corpi dalle caratteristiche anomale, ritenuti autentici da un gruppo di ricercatori (tra loro medici, biologi, genetisti, archeologi, giornalisti) ma considerati falsi dal resto del mondo, si aggiunge una puntata in più.  Durante una conferenza stampa che si è tenuta in un hotel di Hollywood  il 12 marzo, è stato annunciato l’imminente arrivo di un documentario dedicato alla scoperta- epocale, se si dimostrasse reale- di esseri non umani vissuti svariati secoli fa in Sudamerica e sono stati ufficialmente presentati altri due corpi tridattili finora mai resi noti, soprannominati Santiago e Sebastian.  Ma proprio questo incontro pubblico in terra statunitense ha sancito anche una profonda frattura- difficilmente sanabile- all’interno del fronte dei sostenitori dell’autenticità dei corpi:  l’Istituto Inkarri di Thierry Jamin, infatti, si è dissociato da quanto mostrato a Los Angeles con un comunicato di fuoco.

Continua a leggere

Il Pentagono assicura: «Gli UFO spiegabili, nessuna prova di attività aliena»

«Scusateci, ci siamo sbagliati. Da 80 anni ci occupiamo di un problema che non esiste. Abbiamo sprecato tempo e soprattutto tanto denaro dei contribuenti- milioni su milioni di dollari- invano. Anche i nostri migliori ufficiali, militari e analisti non hanno capito un beato cavolo. Ma sapete, film, libri e internet ci hanno suggestionato.» Ecco il succo del lungo e dettagliato rapporto consegnato nei giorni scorsi dall’All-domain Anomaly Resolution Office- ovvero l’ufficio del Pentagono istituito per volontà del Congresso per indagare sui Fenomeni Anomali Non Identificati, quelli che una volta si chiamavano UFO.  Come richiesto,  l’AARO ha compiuto un riesame di tutti i casi raccolti dalle varie agenzie governative dal 1945 fino all’ottobre 2023. Ebbene, sapete che c’è? Non hanno trovato nulla, ma proprio nulla di straordinario. Solo palloni, sonde, fenomeni atmosferici, droni, velivoli militari segreti, pianeti… Tutto qua: credevamo fossero alieni e invece erano stormi di uccelli.

Continua a leggere

«Gli UFO transmedium? Li vedevano già nel 1800»

Velocità stratosferiche- fino a 250 mila miglia orarie- e accelerazioni inimmaginabili- oltre 10 mila G. I velivoli anomali non identificati presi in esame dal fisico Kevin Knuth hanno caratteristiche così peculiari da essere paragonabili solo a mezzi spaziali- e anche parecchio più avanzati dei nostri. Eppure, mentre sfrecciano nella nostra atmosfera come saette, non emettono alcun boato, non rilasciano gas di scarico, non alterano l’ambiente circostante né si trasformano- come ci si aspetterebbe- in palle di fuoco. Anzi, restano incredibilmente freddi. «Non sappiamo dove prendano l’energia necessaria per muoversi così velocemente utilizzando almeno 1000 Gigawatt. Ma non sappiamo nemmeno dove vada a finire quell’energia quando si fermano. Non può scomparire, deve andare da qualche da parte! Si calcola che l’energia dissipata sia  paragonabile a quella prodotta dallo scoppio simultaneo di 250  missili Cruise Tomahawk. Solo che non c’è alcuna esplosione, non c’è calore, non c’è niente», ha sottolineato Knuth nella sua intervista al podcast The Good Trouble Show with Matt Ford.

Continua a leggere

Il fisico Knuth:«Gli UFO sono astronavi»

Kevin Knuth, ovvero l’essenza del vero scienziato. Per chi non lo conoscesse, il professore insegna Fisica all’Università di Albany, negli Stati Uniti. In passato, ha lavorato all’Ames Research Center della NASA. Ha 30 anni di studi alle spalle, in particolar modo si è occupato di intelligenza artificiale, robotica, pianeti extrasolari e- di recente- UAP. Esatto: Knuth sta cercando di capire, scientificamente, cosa diavolo siano e come funzionino quegli oggetti che da molto tempo (ben prima della famigerata data ufficiale dell’inizio dell’ufologia, ossia il 1947) lasciano interdetti i testimoni, gli analisti d’Intelligence e i ricercatori. Il punto di partenza, ovviamente, è dare per certo che questi velivoli (qualsiasi sia la loro provenienza) siano assolutamente reali.  E il fisico statunitense di dubbi non ne ha. Anzi, li definisce -senza giri di parole- vere e proprie astronavi, in base alle caratteristiche di volo che presentano.

Continua a leggere