Nei tunnel lavici si nasconde la vita marziana?

Adesso che è partita anche la NASA- pochi giorni fa,  il lancio di Mars2020 con a bordo il rover Perseverance- sono tre le missioni in volo verso Marte: nei giorni scorsi, era decollate anche la sonda Al Amal (la prima di un paese arabo nella storia dell’esplorazione spaziale) e la cinese Tianwen-1. Obiettivo, per tutti, scoprire qualcosa di più sul Pianeta Rosso e magari capire se quassù la vita sia mai esistita o esista tuttora. Ma forse, stiamo cercando nel posto sbagliato.

Continua a leggere

Non crediamo agli UFO, studiamoli. Anche in Italia…

Briefing classificati per i funzionari del Governo, agenzie di Intelligence al lavoro, senatori in pressing per avere tutte le informazioni: mai come adesso, la questione UFO è al centro del dibattito politico e davanti agli occhi dell’opinione pubblica. Per lo meno, negli Stati Uniti. Perché qui da noi, tutto tace. Sembra che nessuno si sia accorto del fermento Oltreoceano. Di certo, non nei palazzi della politica italiana sempre poco inclini a occuparsi di questa materia se non frettolosamente e contro voglia.

Continua a leggere

I frammenti alieni del Pentagono, lo scoop che nessuno riprende

Il Pentagono possiede frammenti provenienti da veicoli di altri mondi– materiali non prodotti su questa Terra-  e ne ha messo al corrente in recenti briefing vari funzionari del Governo americano. Lo ha scritto pochi giorni fa il New York Times– e nel blog ve ne abbiamo parlato. Ma a differenza di quanto successo nel dicembre 2017, quando il quotidiano svelò l’esistenza di un programma segreto di Washington per studiare gli UFO, questa volta nessuno dei giornali più importanti a livello internazionale ha ripreso la notizia. Ad eccezione di poche pubblicazioni online, la notizia sembra passata sotto silenzio.

Continua a leggere

La task force della Marina sugli UFO uscirà allo scoperto?

L’AATIP- il programma avanzato per investigare sulle minacce aerospaziali ovvero su tutti i velivoli più bizzarri che sfrecciano nei nostri cieli- non è mai finito, nonostante le dichiarazioni a questo proposito rilasciate dal Pentagono. O meglio: ha cambiato nome e collocazione, ma lo studio di quelli che potremmo chiamare oggetti volanti non identificati non si è mai fermato. Lo ha certificato il documento sottoscritto il mese scorso dalla Commissione Intelligence del Senato statunitense e lo rimarca- con interessanti, nuovi dettagli- un articolo del New York Times.

Continua a leggere

Pronti, partenza, via! Destinazione: Marte

Tutti su Marte. L’attuale relativa vicinanza tra la Terra e il Pianeta Rosso- fenomeno che si verifica ogni 26 mesi- ha spinto le agenzie spaziali di mezzo mondo ad organizzare le loro missioni struttando proprio questa finestra temporale aperta fino ad agosto- quando le due orbite saranno alla minima distanza. In questa corsa allo spazio, gareggiano vecchie conoscenze ma anche outsider, come gli Emirati Arabi Uniti, che stanno per lanciare la loro storica sonda.

Continua a leggere