La Svezia indaga sul mistero dei droni

Mistero in Svezia: la polizia ha confermato che alcuni oggetti di natura e provenienza sconosciuta hanno sorvolato anche l’impianto nucleare di Forsmark. La conferma è arrivata poco dopo l’annuncio da parte dei servizi di Intelligence di Stoccolma  che si occupano di spionaggio e antiterrorismo (Säpo la sigla in svedese) di un’indagine in corso su simili incursioni avvenute il 14 gennaio nelle vicinanze di altre due centrali atomiche. Incidenti ritenuti di interesse nazionale, vista la rilevanza strategica degli obiettivi presi di mira da quelli che vengono ufficialmente definiti droni ma di cui le autorità ammettono di non sapere assolutamente nulla. Un fatto che il governo sta seguendo con crescente preoccupazione.

Continua a leggere

Ma siamo davvero pronti a incontrare ET?

Li cerchiamo da decenni e sempre più studiosi sono convinti che li troveremo presto. Gli Alieni- tanto nella forma essenziale di semplici organismi microscopici quanto nella forma più evoluta di esseri intelligenti se non addirittura tecnologici- stuzzicano la fantasia e l’interesse di astrobiologi, fisici teorici, linguisti e persino teologi. Ma la prospettiva di incontrare un giorno creature di altri mondi solleva interrogativi inquietanti: come potremmo comunicare con loro? La scoperta della vita extraterrestre provocherebbe più entusiasmo o più terrore nell’opinione pubblica mondiale? Rischieremmo una contaminazione di virus o di malattie sconosciute?Come reagirebbero i sistemi religiosi- e con essi miliardi di fedeli- di fronte alla certezza che non siamo soli nell’Universo?

Continua a leggere

Il James Webb Space Telescope alla ricerca della vita extraterrestre

E alla fine è arrivato lui, il non plus ultra della tecnologia ad oggi disponibile per osservare il cosmo. Dopo mesi di rinvii, il James Webb Space Telescope – frutto della collaborazione tra NASA, ESA ed Agenzia Spaziale Canadese- è stato finalmente messo in orbita: un regalo di Natale, visto che il lancio è avvenuto il 25 dicembre 2021 dalla Guiana Francese. Tutto è proceduto senza intoppi e secondo le previsioni il mega telescopio a fine gennaio raggiungerà la sua destinazione finale, a circa un milione e mezzo di chilometri dalla Terra, protetto dalla luce diretta del Sole per non danneggiare i suoi preziosissimi occhi elettronici.

Continua a leggere

L’ufficio sugli UFO: svolta storica o grande inganno?

Un fatto storico o l’ennesimo depistaggio? Un grande passo in avanti verso la scoperta della verità o solo l’ultimo, grande inganno? Gli studiosi del fenomeno UFO sono divisi di fronte all’istituzione negli Stati Uniti di un nuovo ufficio governativo incaricato di approfondire gli avvistamenti di veliv0li sconosciuti segnalati dal personale militare. O meglio, dei nuovi uffici di indagine, visto che ne sono stati creati due– il primo lo scorso novembre in forma autonoma dal Pentagono, il secondo alla fine del 2021 su richiesta del Congresso- e ancora non è chiaro se e come confluiranno l’uno nell’altro e in che modo dovranno integrarsi, visto che sulla carta hanno scopi e compiti sensibilmente diversi.

Continua a leggere

Per la NASA terraformare Marte è possibile

Dopo oltre quarant’anni trascorsi alla NASA, Jim Green se n’è appena andato in pensione. Il fisico ha studiato il campo terrestre, il sistema solare esterno, la possibilità di trovare la vita su Marte; da direttore del dipartimento di Scienze Planetarie e come scienziato capo, ha supervisionato tutte le missioni promosse dall’ente spaziale americano degli ultimi 12 anni e ha contribuito a più di cento ricerche scientifiche. Ma ora il suo obiettivo dichiarato è trovare un “piano b” per l’Umanità, creando un ambiente per noi abitabile su un altro pianeta attraverso il processo di terraforming– la terraformazione- che contempla una trasformazione radicale di un mondo alieno per renderlo adatto alla vita umana.

Continua a leggere

«Servono le immagini satellitari per svelare il mistero UFO»

Gli UFO sono reali ed è necessario studiarli in modo approfondito per comprenderne la natura, la provenienza, lo scopo. È una delle poche certezze che ci lascia il 2021, un anno che sarà ricordato anche per il nuovo impulso nella ricerca sugli Oggetti Volanti- o Fenomeni Aerei- Non Identificati. Da questo punto di vista, un anno storico, considerando le affermazioni pubbliche di importanti personalità del mondo dell’Intelligence e della scienza USA, il report sugli UAP consegnato al Congresso e l’istituzione di un nuovo ufficio incaricato espressamente di indagare sul fenomeno per trovare- finalmente- risposte. Ma al quadro mancano ancora dati essenziali per i ricercatori.

Continua a leggere