Le prove del contatto alieno in America Latina?

Sono davvero state trovate in America Latina le prove della presenza sulla Terra di creature aliene? Oppure semplicemente, in questa parte del mondo,  c’è chi sta abilmente inventando e falsificando reperti straordinari da spacciare come reali ad esperti ed appassionati? Domande legittime, dopo la scoperta qualche mese fa di quelle mummie assolutamente anomale in Perù e alla luce delle bizzarre incisioni su roccia individuate la scorsa primavera in Messico e ribattezzate “le pietre del primo incontro.”

Continua a leggere

Il mistero della seconda Sfinge

Non una, ma due. A vigilare sul maestoso complesso di Giza, dove si erge l’unica delle Sette Meraviglie del mondo antico ancora esistente- la Grande Piramide- un tempo forse si trovavano due colossali Sfingi che facevano la guardia lungo la via di accesso al sito monumentale. Quest’idea, da tempo formulata da scrittori e ricercatori alternativi (come Robert Bauval e Graham Hancock)  viene sposata anche da un egittologo che dopo un’accurata analisi delle fonti storiche e uno studio archeologico si è convinto della fondatezza di questa ipotesi.

Continua a leggere

“Io, la base Wright-Patterson e gli Alieni di Roswell”

A 70 anni esatti dal crash di Roswell, la verità su quanto accaduto in quel lontano luglio 1947 vicino alla cittadina del New Mexico è ancora tutta a chiarire. A dar vigore alle teorie dei cospirazionisti, convinti che a cadere sia stato un disco volante con tanto di equipaggio alieno, è stato di recente un libro scritto da un ingegnere che per quasi 40 anni ha lavorato per l’US Air Force -l’aeronautica militare statunitense- nella base di Dayton, in Ohio, nella quale sarebbero celati segreti incredibili. Continua a leggere

Le mummie di Nazca: ecco il test del DNA

Dopo Maria, Wawita. Il team di ricerca che sta esaminando le stranissime mummie trovate in un luogo segreto vicino a Nazca, in Perù, continua le sue indagini sui contestatissimi resti. L’ultimo ad essere sottoposto ai raggi X, alla TAC e ad un  prelievo di tessuti per individuarne epoca e caratteristiche genetiche è il corpo di un bambino dalla grossa testa, tridattilo, con il volto nascosto tra le gambe, rannicchiato in posizione fetale. Lo hanno chiamato Wawita, una parola usata in lingua quechua per indicare per l’appunto un bimbo. Continua a leggere

“Sui crop circle ho fotografato degli UFO”

Ne ha parlato persino la BBC. L’autorevole colosso dell’informazione del Regno Unito ha dedicato un articolo, nella sua pagina online, al fenomeno dei crop circle– una specialità estiva very british. Uno di questi strani disegni impressi in un campo di grano è comparso nei giorni scorsi vicino ad Hannington, nel Wiltshire, attirando centinaia di curiosi e anche qualche tipo strambo.

Continua a leggere